News: Sabato 13 luglio alle 21.30 la formazione torna nel cortile del Maschio Angioino con "Paese mio bello - L'Italia che cantava e canta". Villanelle, il '700 napoletano, la canzone d'autore, e tante incursioni - La Tavola di Renato - Spaghettitaliani
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Evento segnalato su musica e teatro da:
La Tavola di Renato



Evento (Spettacoli) inserito in archivio il giorno 10/07/2019

Sabato 13 luglio alle 21.30 la formazione torna nel cortile del Maschio Angioino con "Paese mio bello - L'Italia che cantava e canta". Villanelle, il '700 napoletano, la canzone d'autore, e tante incursioni

 

immagine in primo piano

L'atelier del bel canto ha casa qui. Gli artigiani della musica sono Lello Giulivo, Gianni Lamagna, Anna Spagnuolo, Patrizia Spinosi. Lo spettacolo è "Paese mio bello - L'Italia che cantava e canta", un concerto a quattro voci e le chitarre di Michele Bonè e Paolo Propoli, per cantare Napoli e non solo. Dopo quarant'anni i protagonisti si ritrovano, come un'altra Estate a Napoli, la prima, ancora in quel Maschio Angioino, straordinario scenario naturale di appuntamenti memorabili. Villanelle, il '700 partenopeo e le canzoni degli anni '40 e '50. In scena nel cartellone di Estate a Napoli, sabato 13 luglio alle 21 al Maschio Angioino a cura dell'associazione Di musica in musica. Da quarant'anni questa formazione costruisce un percorso di ricerca musicale che ha dentro mille anime difficili da raccogliere in un solo spartito. Ci sono gli esordi comuni con Roberto De Simone e un mondo di note anche legato alla storia più viscerale, ma poi questo magma si allarga e va oltre. La tappa obbligata, ma non scontata, della radice napoletana, per inglobare anche mondi che sembrano molto lontani, come la canzone d'autore, quella popolare anche internazionale, la Francia. E poi il Veneto, la Sicilia. E se c'è un respiro comune è proprio Parigi. L'ampiezza dell'orizzonte ricorda i boulevard parigini, poi ci si imbatte nel cappellaccio di un messicano, nella "sgarbata" ironia di un canto tradizionale siciliano. Ma c'è molto, molto di più in questo atelier dalle luci soffuse che sul palco offre sempre una scenografia di fiori coloratissimi. Eleganza, forza, struggimento a volte, commozione, risate, divertimento. La musica incanta e diverte, sogna e stringe il cuore a mezza voce, o dilaga in un acuto predominante e, al tempo stesso, drammatico. Paese mio bello è tutto questo, ma è tanto di più. E la speranza, l'auspicio è che una brezza accompagni parole e note e le porti verso il mare, come omaggio di riconoscenza alla madre Partenope, affinché possa farne un piccolo dono di questa città fragile e volitiva, al resto del mondo, dall'altra parte delle onde.

comunicato stampa

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Evento


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 


 

Galleria fotografica:

 

Sabato 13 luglio alle 21.30 la formazione torna nel cortile del Maschio Angioino con Paese mio bello  LItalia che cantava e canta. Villanelle, il 700 napoletano, la canzone dautore, e tante incursioni

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 05/06/2020 :
938.016

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 24/05/2020 al 30/05/2020 :
4.759.514

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 05/06/2020 :
3.614.752

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 05/06/2020 :
126.241.305