Nessuna paura di vivere di: Andrea Mirò - Mescal - 2016 - Musica e Teatro by Spaghettitaliani.com
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco




Nessuna paura di vivere di: Andrea Mirò - Mescal - 2016


Andrea Mirò



 

Nessuna paura di vivere di: Andrea Mirò - Mescal - 2016

 

Nessuna paura di vivere di: Andrea Mirò - Mescal - 2016

 

NESSUNA PAURA DI VIVERE nuovo CD di ANDREA MIRÒ

 

NESSUNA PAURA DI VIVERE per ANDREA MIRÒ
da oggi Venerdì 22 Aprile 2016
in tutti i negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

NESSUNA PAURA DI VIVERE

Autrice, produttrice, cantante, direttore d'orchestra e polistrumentista
ANDREA MIRÒ
ha realizzato con Manuele Fusaroli il suo nuovo album:
12 inedite canzoni; 12 nuovi passi importanti per un percorso artistico tra i più
versatili del panorama musicale italiano
al femminile relegata al 90% alla sola interpretazione.

L'album è stato anticipato dal singolo
DEBOLI DI CUORE

"Inventerò armi nuove
non sprecherò parole
il nostro posto è altrove...
Questo mondo non è fatto per i deboli di cuore..."

C'erano dei pezzi. Qualcuno solo abbozzato: stralci di testo, raccontini.
Sapevo solo che la linea sarebbe stata più estrema rispetto al disco precedente. Volevo pigiare l'acceleratore verso un suono coerente dall'inizio alla fine che riuscisse a far dialogare tutte le influenze musicali che mi porto dietro da sempre e che rendono la mia scrittura a volte troppo poco omogenea.
C'era Manuele Fusaroli, per cui avevo suonato nel disco dei Nobraino, e di cui conoscevo la lista delle passate produzioni, che stava per partire per un lavoro in Messico.
Eravamo curiosi di provare a vedere che cosa usciva da 2 o 3 pezzi, giusto per iniziare, e se i nostri linguaggi erano assimilabili .
Volevo capire cosa suggeriva la mia musica a uno che, ad un orecchio superficiale, sembrava essere distante anni luce.
E là dove ci fosse stata distanza usarla a vantaggio delle canzoni.
Se non fossimo stati soddisfatti... beh ciccia, au revoir, auf wiedersehen, amici come prima, ciao.
Dalla piega presa all'inizio del lavoro ho però capito che avevo un'opportunità nuova, un disco libero da schemi, emozionale, dai tempi e dalle atmosfere filmici, chiaroscuro, in alcuni punti quasi onirico, sottolineando la mia voce nei suoi toni più bassi che potevano caratterizzare bene i racconti.
Storie di persone che si vogliono affrancare da ruoli stereotipati, che alzano la testa nonostante tutto; microcosmi carichi di fascino e disagio, di stupore, di memoria e di futuro prossimo. L'incongruenza nella vita delle nostre ultime generazioni, questa "cosa" favolosa e ingombrante che è la rete.
Piccoli grandi atti di coraggio quotidiano del cuore e dell'anima.
Nessuna Paura Di Vivere è una dichiarazione di libertà con la consapevolezza adulta di chi abbraccia la vita così com'è, nelle sue incertezze, con la giusta dose di rabbia tra le righe, mai urlata ma con fermezza e senza finzioni. La parola "paura" definisce molte canzoni: paura come spinta e motore, mai come limite: nessuna paura di vivere per intero ogni giorno, appunto...

- Le canzoni di NPDV sono state scritte da me e in buona parte firmate anche da Manuele Fusaroli per i vari interventi o musicali o testuali da lui apportati, così come i due pezzi scritti da Manuele (Deboli di cuore e Tutto in una notte) portano anche la mia firma per gli stessi motivi.
Reo confesso e La festa é finita sono interamente miei.
Ci sono anche ospiti illustri :
- Brian Ritchie dei Violent Femmes ha suonato il basso ed il flauto shakuhachi in Titoli di coda.
- Nicola Manzan dei Bologna Violenta ha suonato e/o arrangiato gli archi in Deboli di cuore e Piove da una vita.
Buona parte del disco è stato suonato a Ferrara da me e da Manuele.
I musicisti aggiunti sono:
Fed Nance / electric guitar synth, basso; Jack Tormenta / chitarra elettrica, semi acustica, acustica; Tommy Lomax / batteria
Il disco è stato prodotto e mixato al @ NATURAL HEAD QUARTER di Ferrara da Manuele Fusaroli e masterizzato a @ LA MAESTÀ STUDIO da Giovanni Versari.

passo dopo passo...

NPDV
La difficoltà di capire l'attrazione per un altro essere umano, lo stupore e la costante aleatoria del viver l'attimo, la fortuna di viverlo fino in fondo.

PIOVE DA UNA VITA
Un piccolo film, una storia di sorelle o di amiche, sicuramente un legame forte, quindi carico di esperienze fatte insieme e la certezza che nel tempo non è stato possibile dirsi tutto, che non tutto è andato come sognavano. La voglia di recuperare la memoria comune, fatta di piccole cose, di oggetti e di parole da bambine.

DEBOLI DI CUORE
Canzone battagliera. Prendere coscienza che non tutto è spiegabile e riconducibile a modelli preconfezionati con l'inevitabile difficoltà di vivere in un mondo bellicoso dove correre e aggredire è il primo comandamento. Le parole di un padre a una figlia, perché trovi la forza dentro di sé per andare avanti dritta per la sua strada; per fare ed essere ciò che sente.

NON CHIEDO DI PIÙ
Due adulti con un passato alle spalle s'innamorano; non c'è bisogno di spiegarsi molto, ognuno dei due conosce gioie e dolori di un legame sentimentale profondo. Possono chiedersi tutto senza paura.

CONSEGUENZE
Una donna chiude una storia, prende forza e decide di uscire da una spirale che la sta soffocando. Facile a dirsi. Più difficile a farsi.

COSÌ IMPORTANTE
Cosa c'è stato di veramente importante nella vita al momento di tirar le somme? Difficile fare un esame di coscienza sia per un vecchio che per un giovane - protagonisti di questo brano - perché non è quanto tempo hai vissuto ma come l'hai vissuto.

TITOLI DI CODA
La ragazza sta per fare un gesto estremo; è una scelta folle e definitiva?
La risposta forse sta nell'ultima riga: si può morire - in senso lato - senza accorgersene.

LA FESTA È FINITA
Quadro notturno in un interno cittadino. Una festa, molti amici, nostalgia, buchi nel cuore, pianto. Domani è un altro giorno.
Sipario.

SORPRESE
Ciò che è stato scambio ora non lo è più, finisce una storia ("il loro amore moriva, come quello di tutti..." diceva Gaber). La similitudine cibo/amore è quasi un classico (non è il primo che scrivo. "Il pasto" risale a una decina d'anni fa. M'è tornata la voglia...).

NESSUNO ESCLUSO
Micro e macro-cosmi, tutti attendiamo un "messia", in senso laico, religioso o digitale, che possa dare un giro di vite alle nostre esistenze. I due ragazzi annoiati e disoccupati nel piccolo centro. La ragazzina - che sogna e soffre tra pagine patinate di riviste e foto nell'iPhone - e che si sente inadeguata e incompresa dalla madre.
Abbiamo tutto ma sembra di non avere niente. Attendiamo, col viso rivolto in alto, qualcosa o qualcuno che ci dica perché valga la pena vivere. Ognuno a modo suo.

TUTTO IN UNA NOTTE
Anche questo è un piccolo film. Due ragazzi s'incontrano; sullo sfondo la piccola provincia. Una scossa colta al volo nella routine dei giorni sempre uguali.

REO CONFESSO
Un uomo accusato di femminicidio.
Un monologo accompagnato da un valzer.
Quasi a disturbare la sua confessione.

BIOGRAFIA:

Andrea Mirò è un'artista eclettica come pochissimi altri in Italia; è infatti polistrumentista, autrice, produttrice, cantante e direttore d'orchestra.

Andrea Mirò ha sette dischi all'attivo, pubblicati tra il 1991 e il 2012; il lavoro in studio e le esibizioni live si sono alternate a collaborazioni con Eugenio Finardi, Mango, Roberto Vecchioni, Ron, Enrico Ruggeri. Grazie alla sua assoluta conoscenza della musica e alla sua competenza nel saperla plasmare negli ultimi anni più volte si è cimentata in un compito che al 90% è riservato esclusivamente al popolo maschile: ha diretto l'orchestra del Festival di Sanremo per Enrico Ruggeri, Nina Zilli, Andrea Nardinocchi, Zibba, Perturbazione; un rapporto con Sanremo costruito attraverso quattro partecipazioni - l'ultima delle quali con Enrico Ruggeri, presentando il brano Nessuno Tocchi Caino, seguita da una lunga collaborazione con l'omonima associazione - e consolidatosi anche come Presidente di giuria alle selezioni di SanremoLab nonché come Giurato di Qualità nell'edizione del 2015. Una lunga carriera attraverso l'arte, declinata non solo nell'ambito musicale pop/rock - come quando ha partecipato al concerto/evento benefico Amiche per l'Abruzzo in quel di San Siro - ma spesso e volentieri anche a teatro, come con La Belle Equipe - viaggio nella canzone d'autore francese, o ancora quando ha vestito i panni di Maddalena in Jesus Christ Superstar nell'allestimento del regista Massimo Piparo. È stata la voce narrante in scena nell'opera di musica contemporanea Three Mile Island del compositore internazionale Andrea Molino. Anche se il teatro è una grande passione, Andrea Mirò non disdegna il cinema; prova ne è che ha cantato sulle musiche originali del film Le Acrobate di Silvio Soldini come non indietreggia di fronte alle nuove sperimentazioni, donando il proprio talento al progetto multimediale Anatomia Femminile.
Nel 2014 parte in tour insieme ad Alberto Patrucco con lo spettacolo che porta il nome del disco realizzato in comune Segni (e) Particolari (tra musica e teatro attraverso le traduzioni di brani di Georges Brassens ); l'album entra nel sestetto dei candidati al Premio Tenco / Migliori Interpreti 2014 e il tour - protrattosi sino a Giugno 2015 - ha messo in scena l'ultima data a Parigi. Quello dell'essere spesso menzionata e più volte premiata dalla critica di settore, è una soddisfazione ricorrente che Andrea Mirò si è guadagnata portando ovunque la propria voglia di donare agli astanti momenti di grande emozione - corroborati da un impeccabile tecnica - sia dal palco del Festival Fondazione Gaber, che al Primo Maggio di Piazza San Giovanni, come dal Premio Sergio Endrigo e dal Premio Lunezia , dal Blue Note di Milano o dal Qube di Roma.
Gli ultimi mesi sono stati consacrati alla chiusura delle registrazioni per il nuovo disco d'inediti, prodotto da Manuele Fusaroli, che verrà pubblicato nel 2016; agli arrangiamenti delle musiche per il monologo teatrale L'ultimo giorno di sole, scritto poco prima di morire dall'amico Giorgio Faletti e presentato in anteprima al Piccolo Teatro Grassi di Milano ad Aprile 2015, con la regia di Fausto Brizzi. Nuovamente in coppia con Alberto Patrucco in un primo giro di repliche dello spettacolo teatrale Degni di nota con la regia di Emilio Russo (presentato in anteprima a fine Luglio all' Elfo Puccini) Andrea Mirò è tornata in scena dal 15 Dicembre 2015 al 1° Gennaio 2016 al Teatro Menotti a Milano.

- Archiviata la parentesi teatrale, l'artista si è concentrata nella chiusura dei lavori riferiti al suo nuovo e ottavo album, intitolato Nessuna Paura Di Vivere realizzato con la collaborazione di Manuele Fusaroli (su etichetta Mescal dal 22 Aprile) e anticipato dal singolo Deboli Di Cuore.

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo CD


Buona notte anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

Galleria fotografica:

Cover del CD Nessuna paura di vivere di Andrea Mir

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business