Biscuit con crema classica e clementine. - Pasquale Franzese - Spaghetti Italiani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Le Ricette inserite da:
Pasquale Franzese



             

 

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 02/12/2017 alle ore 07.08.24

Biscuit con crema classica e clementine.

Torte, crostate

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

 

 

-Biscuit con crema classica e clementine

Dosi per: 10

500 gr pasta frolla
500 gr crema pasticciera
100 gr marmellata di amarena
300 gr clementine fresche
100 ml gelatina aromatizzata agli agrumi

 

Esecuzione:

Foderare una tortiera alta "26 cm" con pasta frolla.
Effettuare la cottura in bianco della frolla "ponendo sulla frolla carta da forno e ceci secchi o altro, per evitare che si deformi la forma".
Raffreddare il biscuit.
Nella base spalmare la marmellata di amarena.
Versare la crema pasticcera fredda e coprire fino ai bordi della frolla.
Decorare con le clementine e lucidare con la gelatina.

Regione: Sardegna

Vino:

Cantina Piero Mancini: Moscato di Sardegna DOC
Presente sull’Isola dai tempi dei Romani, il vitigno Moscato DOC coltivato nelle vigne di Piero Mancini in Gallura, produce un vino eccezionale, unico, dal grande aroma e dal profumo inconfondibile.

Note:

La Pasta frolla o Pasta a foncer è una pasta friabile cotta al forno, preparata generalmente con farina, uova, zucchero, burro (o anche strutto), sale talvolta aromatizzata con scorza di limone o vaniglia.
Particolarmente indicata per crostate e biscotti, la pasta frolla vede derivare il suo nome dal fatto che, una volta cotta, deve risultare friabile "frolla", in grado da sciogliersi in bocca senza essere né dura né elastica. Una pasta simile a quella frolla era già conosciuta a Venezia, dopo l'anno mille, quando si cominciò ad utilizzare la canna da zucchero importata dall'Egitto e dalla Siria. Alla fine del ‘600 la preparazione della frolla si perfezionò, guadagnandosi la trascrizione nei primi manuali di cucina del ‘700, dove trovava impiego per i pasticci di carne e i timballi accompagnati dalle verdure. Successivamente i pasticceri tolsero la parte salata e crearono le prime versioni della notissima crostata alla frutta.

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

Galleria fotografica:

-Biscuit con crema classica e clementine

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 14/09/2019 :
692.864

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 08/09/2019 al 14/09/2019 :
4.480.969

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 14/09/2019 :
8.384.332

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 14/09/2019 :
126.480.161