Imbrecciata - Cantina Donini - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco

Le Ricette d'Autore su Telegram
visualizza statistiche

 

Imbrecciata

Minestre e zuppe

 

Imbrecciata

Ricetta inserita in archivio da Cantina Donini il 22/01/2006 alle ore 19.27.12



Ricette d'Autore


Autore della Ricetta:

Cantina Donini

 

 

Dosi per: 6

100 g fagioli
100 g di ceci
100 g di cicerchie
100 g di granoturco
100 g di grano
100 g di orzo
100 g di fave
1 cipolla
2 spicchi d'aglio
500 g di pelati
sale
pepe
mezzo bicchiere di olio di oliva

 

Esecuzione:

La preparazione è piuttosto lunga anche se facile. Mettere a bagno per circa 12 ore in abbondante acqua leggermente salata tutti i legami e i cereali, in tanti recipienti diversi. Anche la cottura sarà fatta separatamente poiché ogni qualità ha un suo tempo. Preparare intanto in una pentola piuttosto grande un sughetto fatto con la cipolla, l'aglio, l'olio e i pomodori passati; quando il sugo è pronto unire tutti i legumi e i cereali ben scolati dall'acqua di cottura e fare insaporire a lungo a pentola coperta.

Regione: Umbria

Note:

E' un piatto molto antico ed oggi quasi in disuso. Nella zona di Perugia era tipico della "scortecciatura" (il togliere cioè le foglie alle spine di granoturco; queste foglie, essiccate, venivano usate per fare i "sacconi" una specie di materassi per coloro che non potevano permettersi quelli fatti con coloro che non potevano permettersi quelli fatti con crine o lana). Nella zona di Gubbio l'imbrecciata era tipica del periodo natalizio e propiziatoria per ottenere buoni raccolti specialmente di legumi.

 



 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business