Pasta e patate in rosso - Pasquale Franzese - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco

Le Ricette d'Autore su Telegram
visualizza statistiche

 

Pasta e patate in rosso

Minestre e zuppe

 

Pasta e patate in rosso

Ricetta inserita in archivio da Pasquale Franzese il 07/12/2021 alle ore 06.46.42



Ricette d'Autore


Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

 

 

Dosi per: 10

100 gr brunois (sedano, carote e cipolla)
50 gr guanciale
1 buccia "scorza" di parmigiano
50 ml olio d'oliva
300 gr passata di pomodoro
2 gr peperoncino piccante
800 gr patate tagliate a cubetti
500 pasta a piacete (a Napoli si usa la pasta mista)
100 gr pecorino romano "ò cas"
50 ml vino bianco
1 ramoscello di rosmarino

 

Esecuzione:

Rosolare la brunoise con il peperoncino e guanciale.
Versare le patate e lasciar rosolare per qualche minuto, bagnare con vino bianco.
Dopo che il vino evapora versare 2l di acqua fredda e portare ad ebollizione con la passata di pomodoro e il ramoscello di rosmarino.
Dall'ebollizione lasciate cuocere il tutto per 15/20minuti.
Dopo che avete salato il tutto versare la pasta e lasciate cuocere.
Spegnere il fuoco 5 minuti prima della cottura della pasta, la zuppa deve essere leggermente brodosa, e bisogna lasciarla riposare.
Servite il tutto con formaggio grattugiato.

Regione: Campania

Vino:

cantina Piero Mancini: Burberino rosso frizzante

Note:

Un piatto povero nato a Napoli, questa ricetta si è poi diffusa in tutta la penisola. Nasce a Napoli perchè la popolazione era molto povera, in alcune ricette si aggiungevano a questo piatto anche i pomodori (che pochi mangiavano). Oggi invece si aggiungono le scorze di parmigiano come recupero.
Storicamente le fonti della nascita di questo piatto si perdono tra le pagine di polverosi libri ma molti studiosi identificano nel manoscritto "IL CUOCO GALANTE" di Vincenzo Corrado (anno 1773) la prima ricetta scritta della pasta e patate.

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360

il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

 



 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buona sera anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

-Pasta e patate in rosso
-Pasta e patate in rosso
-Pasta e patate in rosso

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business