Cialedda o acquasale - In viaggio con una Masseria Pugliese storica - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco

Le Ricette d'Autore su Telegram
visualizza statistiche

 

Cialedda o acquasale

Piatti unici

 

Cialedda o acquasale

Ricetta inserita in archivio da In viaggio con una Masseria Pugliese storica il 11/09/2022 alle ore 14.16.12



Ricette d'Autore


Autore della Ricetta:

Masseria Selvaggi

 

 

Dosi per: 4

4 Friselle (o 500 grammi di pane)
24 Pomodori
1 Carosello (o cetriolo)
1 rametto Sedano
5 foglie Basilico
2 cucchiai Origano (rasi)
1Cipolla rossa
2 cucchiai Capperi sott'aceto
Sale q.b.
4 cucchiai Olio di oliva
Aceto (per ammorbidire la cipolla rossa) q.b.

 

Esecuzione:

Pelate la cipolla rossa ed affettatela sottilmente. Lasciatela a bagno in aceto e sale per 1 ora.

Nel frattempo lavate per bene i pomodori e tagliateli in 4 parti. Pelate e lavate il carosello, tagliatelo a pezzetti piccoli. Lavate il sedano e tagliatelo a pezzetti. Lavate le foglie di basilico.

In una ciotola capiente spezzettate grossolanamente le friselle oppure il pane. Versateci sopra i pomodori, strizzandoli leggermente per far uscire il succo.
Aggiungete il carosello a pezzi, il sedano, le foglie di basilico spezzettate, l'origano e i capperi. Aggiungete l'olio di oliva e il sale, amalgamate per bene.

Coprite la ciotola con pellicola da cucina e fate riposare la cialledda per almeno 1 ora, affinchè si possano amalgamare i sapori e ammorbidire le friselle o il pane.

Al momento di servirla, aggiungete alla cialledda anche la cipolla rossa scolata dall’aceto e sciacquata per eliminare il sale. Amalgamate ancora per insaporire il tutto e, se necessario, aggiungete ancora un filo di olio di oliva.

Regione: Puglia

Vino:

bianco

Note:

Detta anche "la colazione del mietitore" la cialledda è un piatto tipico dell’estate grande classico della cucina contadina Pugliese. Alla base di questo piatto c'è la qualità dei prodotti che andremo ad utilizzare : l'olio che sia extravergine magari bio e di ottima qualità; il pane che sia raffermo meglio se di Altamura o di Matera, dalla crosta spessa e mollica compatta; i pomodori che siano di stagione quindi pomodori coltivati in piena terra e al sole caldo d'estate!

L'origine del piatto, come già detto, è contadina : la cialledda era una "colazione" di facile preparazione e di trasporto. Nei miei ricordi di bambina rivedo mia nonna "chiudere in uno strofinaccio" pulito un pezzo di pane raffermo con dei pomodori; l'acqua era sempre a portata di mano e quindi preparare una cialledda alla "selvaggia facilissimo" : bastava "spragnare" ( spremere) il pomodoro sul pane appena bagnato e mangiarlo lì sotto un albero alla ricerca di un po' di ristoro.

 



 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buon giorno anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business