Baccalà infornato, olio allo zafaran, pomodorino confit e croccante di peperone crusco IGP di Senise, su passatina di tarallo al finocchietto - Andrea Barone - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Baccalà infornato, olio allo zafaran, pomodorino confit e croccante di peperone crusco IGP di Senise, su passatina di tarallo al finocchietto

Antipasti caldi

 

-Invitare qualcuno a pranzo vuol dire incaricarsi della felicit di questa persona durante le ore che passa sotto il vostro tetto.
(Anthelme Brillat-Savarin)

Ricetta inserita in archivio da Andrea Barone il 29/01/2019 alle ore 12.52.51



Ricette d'Autore


Autore della Ricetta:

Chef Andrea Barone

Chef di Cucina

 

 

Dosi per: 4

baccalà ammollato e dissalato
taralli al finocchietto
brodo di verdure
pomodorini ciliegini
zucchero grezzo di canna
olio evo
peperoni secchi
polvere di peperoni secchi
vino bianco secco

 

Esecuzione:

Ammollare e dissalre dell'ottimo baccalà Islandese. Tagliarlo in ragione di 120 gr procapite, nel frattempo ungere una teglia con olio evo e vino bianco secco, posizionarvi il baccalà e passare in forno a 150° per 10 minuti circa, facendo attenzione ad avere un risultato umido e non asciutto.
Sbiciolare i Taralli, aggiungervi del brodo vegetale e frullarli al mixer.
Cuocere i pomodorini in forno, incidendoli acrece alla base e infornarli spolverizzandoli di zucchero grezzo di canna a 180° per 5-6 minuti.
Per l'olio alla zafarano, riscaldare dell'ottimo olio evo e versarci dentro la polvere di peperone secco avendo l'accortezza di non farlo bruciare quindi l'olio avrà una temperatura massima di 60-70°.
Servire il baccalà sopra la crema di tarallo, dressare con l'olio allo zafaran, addossare un pomodorino confit e finire con una falda di peprone crusco precedentemente fritto in olio evo.

Regione: Basilicata

Vino:

Stipula Cantine del Notaio.

 



 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

 

 

Spaghettitaliani si occupa anche di Marketing e Digital Marketing per la Ristorazione

per info contattaci con WhatsApp al numero 393 874 4749