La ricetta di Eduardo e quella di nonna Ida - Cucino e Scrivo - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Le Ricette inserite da:
Cucino e Scrivo



             

 

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 21/12/2014 alle ore 10.50.22

La ricetta di Eduardo e quella di nonna Ida

Verdure, ortaggi

Autore della Ricetta:

Antonella Orsini

 

 

-

Dosi per: 4

Spaghetti amore e fantasia

 

Esecuzione:

La ricetta di Eduardo e la ricetta di nonna Ida.

Nella tradizione culinaria partenopea esiste una serie di ricette di sughi finti detti anche i sughi dei puverielli (poveri) che non potevano permettersi la carne o il pesce come ingredienti. Questi sughi sono diventati ormai celebri nella nostra gastronomia e forse la prima ricetta di un sugo finto la dobbiamo proprio al grande Eduardo de Filippo.
Si narra che una sera Eduardo tornando a casa dopo la rappresentazione in teatro, preso da un certo appetito fece quello che facciamo un po' tutti, aprì la credenza e con i pochi ingredienti che trovò, dato che mangiava spesso in trattoria, si preparò un piatto di pasta. Tutto orgoglioso della bontà che aveva cucinato da solo, lo raccontò alla sorella Titina e presto la ricetta col passaparola rimbalzò per tutte le vie della città.
Le dosi non ci sono, ma per quella esperienza che abbiamo accumulato in cucina possiamo ricavarle:

Spaghetti con vongole fujute ( scappate, non ci sono ma si sente il sapore)

Per 4 persone
spaghetti 350, ma anche 400 grammi, si fanno mangiare !
Olio extra vergine 1 cucchiaio a testa + due per la padella
aglio schiacciato 2
pomodorini 2 o tre, non mettetene troppi.
sale
prezzemolo abbondante diciamo 1 mazzetto

Mettete a bollire l'acqua per la pasta, salatela.
Prendete una padella larga dove potrete poi versare gli spaghetti per condirli.
Quando aggiungete gli spaghetti nella pentola , potete accendere sotto la padella, tenete conto che la pasta cuoce in 8/10 minuti a seconda della marca. Cuoceteli abbastanza al dente.
Mettete l'olio e l'aglio schiacciato. (se vi piace anche un peperoncino), fate colorire, NON bruciate l'aglio.
Aggiungete i pomodorini schiacciati con la mano, salate. (togliete l'aglio schiacciato e cotto)
Nel frattempo, tritate il prezzemolo con la metà dell'altro aglio, finemente sminuzzato, ricordate di togliere l'anima verde che ha al centro.
A cottura della pasta, al dente, prelevate gli spaghetti con un forchettone e passateli direttamente in padella, portate a cottura e spegnete il fuoco. Solo in questo momento dovete aggiungere il trito di prezzemolo. Impiattate, prendete una forchetta, chiudete gli occhi e assaggiate...
Come disse Eduardo alla sorella Titina " Titì, se senteve o'mare..." Titina, si sentiva il mare.




Seconda ricetta

Sono del parere che si può mangiare bene anche senza svuotare il portafoglio e in questi giorni di vigilia possiamo attingere a piene mani dalle ricette della nostra tradizione.



La ricetta di nonna Ida - spaghetti con l'olio dei friarielli

Questa è una ricetta davvero povera ma gustosa, i friarielli a Napoli sono la verdura invernale per eccellenza, costano poco e rendono molto. Spesso accompagnano piatti di carne, ma sono ottimi anche appena sbollentati e conditi con olio a crudo.
Ho imparato molto da mia nonna, vederla cucinare mi affascinava, aveva mani piccole che si muovevano sicure e veloci, lei mi ha insegnato a cucinare a 'uocchio ( a occhio, cioè regolandosi approssimativamente per poi correggere ,se occorre)
Quando cucinava i friarielli, prendeva una padella larga e abbastanza alta, metteva olio abbondante ,due spicchi di aglio e un peperoncino. Appena l'aglio dorava aggiungeva i friarielli che al contatto dell' olio sfriccicavano (sfrigolavano) una meraviglia. Aggiungeva del sale e copriva con un coperchio per farli "ammosciare" , (ridurli di volume).
Appena giunti a cottura, prendeva una zuppiera dove inseriva un colapasta, versava il contenuto della padella, cosicché i friarielli perdessero parte del proprio olio. La nonna diceva che la verdura, quando si serve nel piatto, non deve galleggiare nell'olio.
L'olio della colatura lei lo riciclava così :
Cuoceva gli spaghetti al dente, li versava nella padella con l'olio dei friarielli, aggiungeva ancora olio se necessario e li rigirava ben bene aggiungendo una bella manciata di pecorino grattugiato.
Vi assicuro che sono buonissimi!
La mia variante: aggiungete dei piccoli pezzetti di provola affumicata o scamorza al posto del pecorino.

Regione: Campania


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buon giorno anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 07/12/2019 :
684.529

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 01/12/2019 al 07/12/2019 :
4.590.681

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 07/12/2019 :
4.590.681

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 07/12/2019 :
183.544.855