Bordatino - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: Tutte le sezioni e i servizi di spaghettitaliani sono gratuiti e quanto viene pubblicato al suo interno non ha una periodicità regolare, quindi spaghettitaliani non può essere considerata una testata giornalistica.

 

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco

Le Ricette d'Autore su Telegram
visualizza statistiche

 

Bordatino

Minestre e zuppe

 

Bordatino

Ricetta inserita in archivio il 12/05/2003 alle ore 19.21.13



Ricette d'Autore


Autore della Ricetta:

Piero

livornotop.com

 

 

Dosi per: 4

100 g di farina gialla
200 g di cavolo nero
1 cipolla
1 carota
brodo di fagioli rossi con qualche fagiolo
4 cucchiai d'olio
1 cucchiaio di conserva
pomodoro
sale e peperoncino

 

Esecuzione:

Tritate grossolanamente gli odori e fateli insaporire con l'olio, il sale e il peperoncino. Aggiungete il cavolo nero ben pulito e tagliato a striscioline e la conserva di pomodoro diluita con un poco d'acqua. Quando anche il cavolo nero sarà insaporito aggiungete il brodo di fagioli, poi, molto lentamente, la farina. Fatela cuocere bene. Si serve non troppo calda e con l'aggiunta di un filo d'olio (meglio se di frantoio).

Regione: Toscana

Note:

Il bordatino, prima minestra storica livornese nasce a bordo dei velieri importatori di grano saraceno. Si tratta di una farinata densa che all'epoca era preparata con quel grano e cucinata, per lo più, nel brodo di pesce, rare volte in brodo di carne. Con l'arrivo del mais dalla farina grigia del grano saraceno si passò alla farina gialla e con l'arrivo dei fagioli s'iniziò a adoperare la loro acqua di cottura. A terra per arricchimento si aggiunse un soffritto d'odori e qualche foglia di cavolo nero. Da "zuppa marinara" si trasformò in zuppa campagnola. Essendo una minestra povera ognuno la preparava con quel che aveva al momento. Abitualmente i livornesi cucinano il bordatino con il brodo di fagioli rossi, cibo del giorno precedente.

 


 

 

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business