The Music Center - James Taylor Quartet - Musica e Teatro by Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco




The Music Center
James Taylor Quartet






il Music Center di James Taylor Quartet è stato visualizzato 1.819 volte - visualizzazioni di oggi: 1

 

PROSSIMI CONCERTI

prossimamente non ci sono concerti programmati per questo artista o gruppo

LINK

Sito ufficiale: -
Facebook: -
Instagram: -
Twitter: -
You Tube: -
Fan Club: -
Casa discografica: -
Agenzia spettacoli: -
Ufficio stampa: -

 

 

 

Le fotografie e tutto il materiale pubblicato in questa pagina, se non prodotto da noi, ci è stato inviato o dall'autore o da uno degli uffici stampa con noi collegat, e viene riportato sempre con il nome dell'autore (se ci è stato segnalato), e viene inserito a solo scopo giornalistico-divulgativo.
La nostra redazione non si assume alcuna responsabilità su un eventuale uso improprio di quanto riportato in questa pagina.
Per ogni eventuale modifica da apportare ai contenuti presenti in questa pagina o qualsiasi tipo di contestazione, scrivete alla nostra redazione (le contestazioni non firmate non saranno prese in considerazione, si consiglia di inserire anche un recapito telefonico).

 

Fotografie in archivio

 

  • Concerti
  • Biografia
  • Articoli e News
  • CD e ...

Concerti

 

Tutti i concerti di James Taylor Quartet nel 2022

 

2021

2023

 

15-01-2022 - Milano - Blue Note

14-01-2022 - Milano - Blue Note

Biografia

 

Una miscela esplosiva di Soul, Funk, Jazz, Spy Movies, R'n'B, il tutto capitanato dallo splendido suono dell'organo Hammond di Taylor. Per definire il sound della band, il pianeta musica si è visto obbligato a coniare un nuovo termine: Acid Jazz!

Da allora JTQ ne è diventato il gruppo-simbolo, la voce più autorevole del genere a livello mondiale. Il suo leader, James Taylor, nel corso degli anni ha collezionato le più svariate partecipazioni ai dischi di artisti del calibro di U2, Pogues, Manic Street Preachers, fino ad arrivare agli ultimi lavori di Tom Jones e Tina Turner.

Riemerso dall'infelice conclusione dell'esperienza con The Prisoners (gloriosa band che avrebbe senza dubbi meritato maggior successo), James Taylor fonda il Quartet a suo nome nel 1985. Il primo fortunato singolo per il JTQ è Blow Up del 1985, il cui successo fa da traino per la registrazione del leggendario primo mini-album della band intitolato Mission Impossible, in cui l'organo di Taylor guida la band in cover di colonne sonore dei sixties ("Mission Impossible", "Goldfinger", "Mrs Robinson") e brani dal forte impatto punk-funk. Con la crescita della fama della band arriva il secondo album The Money Spyder, sempre su etichetta Re Elect The President.

Fin dall'inizio l'attenzione è maggiormente rivolta alla dimensione live che alla carriera discografica. L'enfasi del JTQ per la live 'dance' music è la chiave del successo della band, che gli garantisce un solido rapporto con il pubblico dei loro concerti. Durante questo periodo d'intensa attività live il JTQ cattura l'attenzione di una major, la Polydor, etichetta con la quale The James Taylor Quartet pubblica tre album. Vedono così la luce Wait a Minute nel 1988, Get Organised nel 1989 e Do Your Own Thing nel 1990 e un numero impressionante di singoli di successo tra i quali il celeberrimo "The Theme from Starsky & Hutch". Nel 1991 JTQ si lega alla Big Life etichetta sussidiaria della Polydor ed entra nel mercato soul con l'uscita del primo live-album Absolute, nel quale brillano le voci di Rose Windross dei Soul II Soul e di Noel McKoy. In 1992, Noel McKoy diventa la vocalist ufficiale del JTQ. Nel 1993 l'album Supernatural Feeling entra nella Top 30 e solo in quest'anno la band effettua oltre 150 concerti in 15 differenti nazioni, incluse Tailandia, Giappone e Usa. Il talento di Taylor all'organo è così ammirato in tutto il mondo, e gli assicura partecipazioni ai lavori discografici di The Wonderstuff, Manic Street Preachers, The Pogues e U2. Nel 1994, forti dei riscontri delle classifiche e dell'acquisita reputazione internazionale, The James Taylor Quartet decide di ritornare con l'indipendente Acid Jazz. Il primo album licenziato per la nuova etichetta, In The hand of the Inevitable, è accolto favorevolmente dalla critica e con le oltre 200.00 copie vendute è ancora oggi top-seller per la Acid Jazz. James Taylor è di diritto tra i più grandi hammondisti della sua generazione. Con le BBC Radio Sessions abbiamo l'esordio di materiale del JTQ negli Usa, per mano della Hollywood Records.

Living Underground, il decimo album della band, segna il ritorno allo stile più amato da James: strumentali rock-jazz-funk in cui l'Hammond può liberamente imperversare, con chiari riferimenti al sound degli esordi. La stampa lo rispetta e lo apprezza per essersi allontanato dalla corrente commerciale pop/soul del momento, ed ora il suo live-set strumentale raccoglie schiere di ammiratori come mai prima. Il 1996 per il JTQ è decisamente un anno "on the road": suonano due settimane consecutive in uno straripante Jazz Cafe a Londra e in uno show (sold-out) alla Brixton Academy, e il tour li porta dal Brasile alla Yugoslavia.

Nel 1997 il sogno diventa realtà: James ha la possibilità di comporre la colonna sonora per il film "Austin Powers", un atipico spy movie con protagonista Mike Myers. James fonda anche la sua personale etichetta, la JTI Records, rilasciando diverse compilation con vari artisti con cui ha lavorato o per cui nutre una sincera ammirazione (Simon Bartholomew dei Brand New Heavies, The Prisoners, New Jersey Kings, The Apostles). Nel 1998 JTQ è in tour in UK ed Europa per la promozione di Whole Lotta Live, il nuovo live-album. Arriva anche un nuovo cambio di etichetta: James firma per la GUT Records, ed inizia la nuova fase dell'avventura. Nel 1999 James compare in "Reload" (riuscitissimo e vendutissimo album di duetti di Tom Jones), con il brano "Looking Out of My Window" che eseguono insieme al National Lottery Show. Il cambio di etichetta porta anche un cambio di stile, documentato nel nuovo album A Bigger Picture. La band miscela la propria inconfondibile matrice funk con una produzione più 'clubby', e con la voce della nuova vocalist Yvonne Yaney. JTQ comunque, decide di lasciare l'etichetta subito dopo la prima uscita per divergenze artistiche. Il nuovo disco “The Oscillator” uscito poco piu' di un anno fa, esalta in maniera spumeggiante il tocco magico dell’Hammond B3, vero protagonista del lavoro, coniugando mirabilmente soul-jazz, funk e psycho beat.

Articoli e News

 

immagine in primo piano
immagine in primo piano

James Taylor Quartet in concerto Venerdì 13 Maggio all'ANIMAL SOCIAL CLUB di ROMA


News inserita da:

Associazione Spaghettitaliani in data: 09/05/2011 12.15

CD e ...

 

non sono presenti segnalazioni di CD per questo artista o gruppo

 

 

Buona sera anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.



Commenti



Non sono presenti commenti in questo Music Center



Video




Non sono presenti Video in questo Music Center


 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business