The Music Center - Remo Anzovino - Musica e Teatro by Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.



The Music Center
Remo Anzovino





il Music Center di Remo Anzovino è stato visualizzato 1.087 volte - visualizzazioni di oggi: 4

 

PROSSIMI CONCERTI

prossimamente non ci sono concerti programmati per questo artista o gruppo

LINK

Sito ufficiale: -
Facebook: -
Instagram: -
Twitter: -
You Tube: -
Fan Club: -
Casa discografica: -
Agenzia spettacoli: -
Ufficio stampa: -

 

 

Le fotografie e tutto il materiale pubblicato in questa pagina, se non prodotto da noi, ci è stato inviato o dall'autore o da uno degli uffici stampa con noi collegat, e viene riportato sempre con il nome dell'autore (se ci è stato segnalato), e viene inserito a solo scopo giornalistico-divulgativo.
La nostra redazione non si assume alcuna responsabilità su un eventuale uso improprio di quanto riportato in questa pagina.
Per ogni eventuale modifica da apportare ai contenuti presenti in questa pagina o qualsiasi tipo di contestazione, scrivete alla nostra redazione (le contestazioni non firmate non saranno prese in considerazione, si consiglia di inserire anche un recapito telefonico).

 

Fotografie in archivio

 

  • Concerti
  • Biografia
  • News
  • CD e ...

Concerti

 

Tutti i concerti di Remo Anzovino nel 2019

 

2018

2020

 

01-08-2019 - Roma - Castel Sant'Angelo

Biografia

 

Compositore e pianista di Pordenone, classe '76, avvocato penalista (si è laureato con il massimo dei voti e la lode in giurisprudenza a 24 anni con una tesi in diritto penale sui casi di favoreggiamento del cliente da parte dell'avvocato difensore), ha formato il suo stilemusicale attraverso l'esperienza maturata sin da giovanissimo nella musica per il cinema, per il teatro e per la pubblicità lavorando a più di 50 produzioni.

Ha, in particolare, composto le musiche per i maggiori capolavori del cinema muto (più di trenta pellicole) collaborando, con le più prestigiose cineteche e partecipando con colonne sonore di sua composizione ai principali Festival e rassegne internazionali.

Tra i tanti titoli musicati si ricordano "Metropolis" di Lang, "Nosferatu" e "Tabù" di Murnau, "The Cameraman" e "Navigator" di Buster Keaton, "Il gabinetto del dr. Caligari" di Wiene, "Diario di una donna perduta" e "I misteri di un'anima" di Pabst, "Il Circo" di Chaplin. Con la partitura per orchestra sinfonica composta per il capolavoro di R. J. Flaherty "Nanook l'Eschimese" ha vinto il premio speciale del pubblico all'edizione 2006 del Festival Internazionale di Cinema e Musica di Bolzano "Rimusicazioni".

Ha inoltre ottenuto il secondo premio assoluto all'edizione 2005 del Festival Internazionale di Cinema e Musica dedicato al Maestro Angelo Francesco Lavagnino di Gavi (AL). Nel 2007 gli è stato conferiro il premio Moret d'Aur nella sezione emergenti nello spettacolo da una giuria di 20 giornalisti del Friuli Venezia Giulia.

Nel 2006, con la consapevolezza acquisita in una decina d'anni di scritture, dopo un paio di concerti in duo con il fisarmonicista Gianni Fassetta in cui per la prima volta si esibisce in pubblico in forma di concerto senza lo schermo cinematografico, con composizioni tutte di suo pugno, ha l?occasione di pubblicare il suo primo album Dispari (Rai Trade/C.N.I.), struggente lavoro strumentale che raccoglie uno splendido brano ispirato a Tina Modotti (Que viva Tina!) e alcuni dei temi in origine composti per capolavori del muto ma ripensati in forma del tutto autonoma dalle immagini. Nel libretto che accompagna l'album, infatti, non vi è volutamente alcun riferimento esplicito al cinema: si rivelerà rapidamente una delle sorprese discografiche della stagione 2006/2007. Appena pubblicato su iTunes (il più importante store mondiale di musica in formato digitale) schizza subito al primo posto nella classifica dei dischi jazz italiani, rientrando a più riprese nella top 10 sino ancora ad oggi. Il programma di Raitre Ballarò utilizza spesso le sue melodie come commento musicale, e lo stesso fa Otto e Mezzo su La7. Si parla di una nuova onda multimediale, musica d'atmosfera da ascoltare ad occhi chiusi/aperti, canzoni senza parole, melodie avvolgenti che duettano (a quel momento ancora idealmente) con le sequenze del grande cinema muto. La critica ne loda a più riprese, con una vera e propria messe di recensioni, il fascino del linguaggio trasversale in bilico tra jazz, musica classica, canzone d?autore, la grande musica da film, l'opera e Vincenzo Mollica, nella rubrica Do-re-ciak-gulp del Tg1, definisce l?esordio discografico di Anzovino "il più bell'omaggio musicale mai scritto per il cinema muto e per Louise Brooks". Il passaparola tra il pubblico e gli addetti ai lavori fa rimbalzare la musica fino a New York, dove l?etichetta Pumpaudio lavora al lancio americano. Anche Simone Cristicchi, vincitore del Festival di Sanremo 2007, si innamora delle melodie di Anzovino, tanto da scegliere il brano L'immagine ritrovata come tema principale del suo documentario Dall'altra parte del cancello (distribuito in dvd dalla Sony/BMG) e dello spettacolo teatrale Centro di Igiene Mentale.

Di Remo Anzovino si accorgono le storiche trasmissioni di Radio Rai (Stereonotte, Notturno Italiano, Hollywood Party, Fahrenheit), ma anche il primo network commerciale italiano: su Radio Deejay il disco è programmato nella trasmissione di punta delle 21.00, B side, condotta da Alessio Bertallot, che definisce Anzovino "un musicista straordinario, un maestro della descrizione delle emozioni, che ha la magia di Rota e Morricone" e lo invita per un concerto in diretta radiofonica, dagli studi di Milano.

Parte così una tournée nelle principali città italiane, culminata nel concerto romano all'Auditorium Parco della Musica. L'Espresso e La Repubblica intanto pubblicano nell'agosto 2007 il brano Cammino nella notte (contenuto in Dispari), nella compilation Chill out - Blue che raccoglie la migliore musica internazionale, da Amy Winehouse a Mario Biondi, da Fabrizio Bosso a Bebel Gilberto, fino all'Orchestra di Piazza Vittorio.

Con il suo terzo album Igloo (Odd Times/Egea, uscita ufficiale 26.4.2010) Remo Anzovino riesce a sorprendere ancora una volta pubblico e critica con un disco ancora diverso con cui realizza il sogno di abbattere le convenzioni e di fondere una piccola, moderna sinfonia con una serie di duetti contemporanei ricavati su alcune tracce tematiche della stessa sinfonia. Uno spazio musicale dove il pianoforte duetta volta per volta con una batteria, un sax, una tromba, una chitarra, un contrabbasso, un clarinetto. Nell'idea che la musica non conosca confini e steccati e che la composizione possa definitivamente fondere il classico con il moderno.

L'igloo è il simbolo di questa ricerca, di questo guardarsi e vedersi vivere. Un luogo in cui entrare e dal quale osservare il mondo esterno, per poi uscirne, lasciare che si sciolga e riprendere il cammino nel mondo contemporaneo. Dunque ancora una volta il talento straordinario di questo giovanissimo compositore, tra le vere novità uscite nella musica italiana di questi ultimi anni, si confronta con la sua stessa musica in un'ansia frenetica di costruire e destrutturare i suoi stessi temi e linee melodiche. Arrangiando l'orchestra come le parti dei singoli strumenti e con loro duettare con il suo pianoforte. Igloo è così diventato una sorta di moderna sinfonia, dal sapore anche fortemente cinematografico ed evocativo, nella quale vengono descritti i sentimenti e le emozioni umane più ancestrali. Un viaggio in musica del tutto inedito nel panorama discografico: un susseguirsi di musiche dove ai movimenti sinfonici codificati - affidati ad una orchestra di oltre 40 elementi - fanno da contrappunto i duetti tra Anzovino ed alcuni tra i più grandi strumentisti italiani sulla scena internazionale: con la batteria di Franz Di Cioccio (PFM), con il clarinetto di Gabriele Mirabassi, con il contrabbasso di Enzo Pietropaoli, con la chitarra di Bebo Ferra, e con i due TOP JAZZ 2009 (il referendum annuale indetto dalla storica rivista Musica Jazz) Francesco Bearzatti per il sassofono, Luca Aquino per la tromba. Dando così vita ad un album che rappresenta un ideale ponte tra la musica classica ed il jazz più contemporaneo. Un progetto fortemente innovativo in cui ogni steccato di genere è abbattuto, ed in cui suoni e personalità artistiche apparentemente distanti si incontrano, su un terreno comune, nel rifugio della più vera creatività.

Ad illustrare graficamente questo viaggio in musica è stato chiamato Davide Toffolo (tra i più stimati fumettisti underground italiani, oltre che leader della rock band di culto Tre Allegri Ragazzi Morti) che ha immaginato questo mondo musicale con un concept grafico diretto, minimale e moderno: due orsi, altri da se stessi, che osservano un relitto di ghiaccio, come un avanzo di grattacielo, avanzare nel nulla.

CD e ...

 

non sono presenti segnalazioni di CD per questo artista o gruppo

 

 

Buona sera anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.



Commenti



Non sono presenti commenti in questo Music Center


 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 13/12/2019 :
773.460

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 01/12/2019 al 07/12/2019 :
4.590.681

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 13/12/2019 :
9.443.608

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 13/12/2019 :
188.397.782