The Music Center - Coloursound - Musica e Teatro by Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.



The Music Center
Coloursound






il Music Center di Coloursound è stato visualizzato 815 volte - visualizzazioni di oggi: 2

 

PROSSIMI CONCERTI

prossimamente non ci sono concerti programmati per questo artista o gruppo

LINK

Sito ufficiale: -
Facebook: -
Instagram: -
Twitter: -
You Tube: -
Fan Club: -
Casa discografica: -
Agenzia spettacoli: -
Ufficio stampa: -

 

 

Le fotografie e tutto il materiale pubblicato in questa pagina, se non prodotto da noi, ci è stato inviato o dall'autore o da uno degli uffici stampa con noi collegat, e viene riportato sempre con il nome dell'autore (se ci è stato segnalato), e viene inserito a solo scopo giornalistico-divulgativo.
La nostra redazione non si assume alcuna responsabilità su un eventuale uso improprio di quanto riportato in questa pagina.
Per ogni eventuale modifica da apportare ai contenuti presenti in questa pagina o qualsiasi tipo di contestazione, scrivete alla nostra redazione (le contestazioni non firmate non saranno prese in considerazione, si consiglia di inserire anche un recapito telefonico).

 

Fotografie in archivio

 

  • Concerti
  • Biografia
  • Articoli e News
  • CD e ...

Concerti

 

Tutti i concerti di Coloursound nel 2020

 

2019

2021

 

nel nostro archivio non sono presenti date di concerti nel 2020

Biografia

 

Una partita a calcio nel backstage del Phoenix festival del '96 ha fatto incontrare per la prima volta Mike Peters (ex cantante dei gallesi Alarm) e Billy Duffy (chitarrista dei Cult). Di lì a poco Billy partecipa come special guest al disco solista di Mike Peters “Rise” del '97. Billy non si limita ad aggiungere il suo inconfondibile tocco di chitarra ma partecipa anche alla composizione di una delle canzoni del disco.

La scintilla scatta immediatamente ed in breve tempo i due si trovano con una ventina di canzoni dal notevole potenziale e con uno stile che è la perfetta sintesi degli Alarm e dei Cult. Al combo si unisce un'altra figura leggendaria del rock anni '80: Craig Adams, che aveva militato sia nei Sisters of Mercy che nei Mission. Il progetto prende il nome di COLOURSOUND.

I primi demo vengono registrati alle Hawaii negli studi di Bob Rock per essere poi pubblicati come COLOURSOUND EP in una tiratura limitata di 500 copie (andate esaurite in 1 giorno ed ormai introvabili).

Arriva anche il momento dei concerti ed un tour britannico e uno americano servono a fugare ogni dubbio: la band è compatta e potente e le esibizioni scuotono il pubblico come scosse elettriche. Durante i set vengono spesso riproposti alcuni cavalli di battaglia come Rain, She Sells Sanctuary e Strength. Piovono recensioni entusiastiche e i COLOURSOUND concludono il tour a Febbraio del '99 con tre serate consecutive (tutte esaurite) al Barfly di Londra.

Ad Aprile il gruppo si chiude in studio per registrare l'album d'esordio e, contrariamente a quanto ci si sarebbe potuto aspettare, non sceglie una locazione esotica ed un produttore blasonato, ma decide per la sala prove ricavata da un casolare nelle tranquille campagne gallesi. Lì montano tutto l'equipaggiamento necessario e registrano senza alcuna pressione.

La produzione viene seguita dagli stessi Peters e Duffy con l'intenzione di fare un disco di rock senza fronzoli ma con i piedi ben piantati negli anni in cui viviamo.

L'11 Ottobre esce in tutto il mondo l'album che porta lo stesso nome della band: COLOURSOUND (distribuito in Italia dalla Edel), 11 canzoni che sono assalti sonori diretti allo stomaco e alle orecchie dell'ascoltatore dove la chitarra di Billy Duffy è la vera protagonista con riff micidiali e granitici, ben spalleggiata dalle parti vocali di Mike.

Ottime recensioni su Kerrang, Mojo, Q, Hard precedono di qualche giorno il loro unico (esplosivo) concerto per il novantanove che si è tenuto all'Astoria di Londra con il pubblico in delirio.

Visti gli impegni di Duffy con i Cult e di Peters con la sua carriera solista, nel 2000 non sono stati fatti concerti.

L'album COLOURSOUND si appresta ora ad uscire in America con l'aggiunta di un paio di extra tracks.

Li attendiamo presto in Italia.


La formazione:

MIKE PETERS (The Alarm) vocals, guitars

BILLY DUFFY (The Cult) guitars

CRAIG ADAMS (Sisters Of Mercy,The Mission) bass

STEVE GRANTLEY (The Cult) drums

Articoli e News

 

non sono presenti News per questo artista o gruppo

CD e ...

 

non sono presenti segnalazioni di CD per questo artista o gruppo

 

 

Buona sera anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.



Commenti



Non sono presenti commenti in questo Music Center


 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 13/07/2020 :
993.096

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 05/07/2020 al 11/07/2020 :
5.418.402

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 13/07/2020 :
10.823.522

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 13/07/2020 :
159.484.305