Pizza napoletana, dal 19 dicembre il disciplinare Stg. L'Apn: "Serve linea unitaria" articolo inserito su spaghettitaliani da Eduardo Cagnazzi
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco

Articolo inserito da Eduardo Cagnazzi il giorno 01/12/2022 alle ore 11.50.19

Pizza napoletana, dal 19 dicembre il disciplinare Stg. L'Apn: "Serve linea unitaria"

 

immagine in primo piano

Sergio Miccú, presidente dell'Associazione Pizzaiuoli Napoletani, chiama a raccolta lunedì presso l'Hotel Oriente il mondo pizza per una decisione unitaria: costruire un fronte comune dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea del Regolamento che riporta l'iscrizione della pizza napoletana nel registro delle Specialità Tradizionali Garantite con riserva del nome.

Dal prossimo 19 dicembre, infatti, (ma già si prevede una proroga del termine) solo le pizzerie che rispettano il disciplinare Stg (Specialità Tradizionale Garantita) potranno chiamare il proprio prodotto Pizza Napoletana. Tutte le altre saranno solo generiche pizze.

È questo lo scenario che si prospetta alla luce di una ipotesi che, di fatto, rischia di generare un paradosso e cioè che qualunque pizzaiolo d'Europa certificato Stg possa sfornare e servire pizza napoletana mentre quelli napoletani, non dotati della certificazione, non possa farlo.

La novità legislativa potrebbe quindi avere un grande impatto su pizzerie e ristoranti di tutta Europa: solo il prodotto conforme al disciplinare di produzione registrato con il marchio di Specialità Tradizionale Garantita (STG) potrà chiamarsi pizza napoletana.
In sostanza la Stg se ben utilizzato dai pizzaioli campani potrebbe essere un indubbio punto di forza, un po' come per altri versi avvenuto con le Dop. Se preso sottogamba, invece, potrebbe tradursi in una mancata tutela, per estensione, del brand pizza napoletana.

La questione non è sfuggita a Sergio Miccú, presidente dell'Associazione Pizzaiuoli Napoletani, che ha rilevato questa pericolosa deriva e ha indetto l'assise del mondo pizza per il 19 dicembre affinché si faccia fronte comune sul da farsi e si assuma una decisione unitaria.

"Si tratta - dice Sergio Miccú (Apn)- di un momento fondamentale per il mondo pizza. "Dalla decisione del mondo associativo e imprenditoriale dipenderà in gran parte il futuro della pizza napoletana. Mi farebbe piacere che le associazioni (e ipizzaiuoli) fossero tutte dalla stessa parte. Senza dubbio occorre - dice Miccú - una riflessione comune e una decisione unitaria".

Eduardo Cagnazzi


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Articolo


Buona notte anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

Galleria fotografica:

pizza

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business