Articolo: UniCredit finanzia Gruppo Petti - Eduardo Cagnazzi - Spaghettitaliani
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Gli Articoli inseriti da:
Eduardo Cagnazzi



Articolo inserito in archivio il giorno 31/10/2017 alle ore 14.30.34

UniCredit finanzia Gruppo Petti

 

immagine in primo piano

Otto milioni di euro finalizzati a sviluppare ulteriormente il mercato estero. E' questa la cifra della linea di credito concessa da UniCredit, Area Corporate di Campania Sud, Basilicata e Calabria al gruppo conserviero Petti.
Il finanziamento è garantito da Sace, che insieme a Simest costituisce il Polo dell'export e dell'internazionalizzazione del Gruppo Cdp.
L'operazione di finanziamento è resa possibile con il "grace period" di sei mesi e un periodo di ammortamento in sei rate il cui rimborso è assicurato dagli incassi ottenuti dalle vendite sul mercato estero.
L'iniziativa dell'azienda conserviera, con stabilimento a Venturina Terme (Livorno) e sede legale a Nocera Superiore, leader mondiale nell'esportazione del concentrato di pomodoro con una quota di mercato del 27% e primo importatore italiano del prodotto da rilavorare, rientra nel piano di trasformazione 2017-2018 intrapreso dal proprio management.
Con un fatturato di quasi 250 milioni di euro nel 2016, il gruppo Petti vanta una storia di oltre 80 anni di leadership e innovazioni nella lavorazione del pomodoro grazie all'evoluzione delle tecniche produttive ed agli investimenti per orientare le maggiori risorse alla valorizzazione del marchio; scelte che hanno determinato una capacità produttiva di assoluto valore, sia per la Petti spa che per la collegata Italian Food spa. Oggi il gruppo può contare su una capillare rete di vendita in Italia e all'estero e sul progetto Rosso Toscano, il primo contratto di rete nato in Toscana per valorizzare la filiera delle conserve di pomodoro da industria.
"Impiegheremo le risorse finanziarie ottenute da UniCredit per finanziare sia il rafforzamento della produzione sia per incrementare ulteriormente la penetrazione nei mercati esteri, soprattutto in quelli finora scarsamente serviti, quali ad esempio Israele, Australia, Belgio, Messico, Stati Uniti", afferma Pasquale Petti (nella foto), imprenditore di quarta generazione con la carica di amministratore delegato di Italian Food. "L'obiettivo, in particolare per la gamma di prodotti della partecipata Italian Food, è di far diventare il marchio Petti uno dei principali brand italiani di conserve di pomodoro all'estero, puntando sull'alta qualità della materia prima, esclusivamente toscana, e sul gusto distintivo dato dall'esclusivo metodo di lavorazione a bassa temperatura che preserva il colore ed il sapore del pomodoro fresco appena raccolto".
Dal 1973 la produzione è concentrata presso l'ex stabilimento Arrigoni di Venturina Terme che diventa gradualmente l'azienda satellite del gruppo sviluppando una forte capacità produttiva in grado di soddisfare sia il mercato interno che quello estero.

Eduardo Cagnazzi


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Articolo


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

Galleria fotografica:

Pasquale Petti

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 13/07/2020 :
993.096

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 05/07/2020 al 11/07/2020 :
5.418.402

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 13/07/2020 :
10.823.522

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 13/07/2020 :
159.484.305