Articolo: Intervista con Chef Luigi Sorrentino - Articolo Lorenzo Vinci (Il Giornale) - Luigi Sorrentino - Spaghettitaliani
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Gli Articoli inseriti da:
Luigi Sorrentino



Articolo inserito in archivio il giorno 19/05/2017 alle ore 18.14.55

Intervista con Chef Luigi Sorrentino - Articolo Lorenzo Vinci (Il Giornale)

 

immagine in primo piano


Un paradiso chiamato Petriolo Spa Resort


Dopo essere appartenuto alla famiglia Ligresti, il Petriolo Spa Resort è stato acquisito dal Gruppo Unipol con l'unico obiettivo di riportarlo agli antichi splendori, quando ospitava diversi personaggi illustri. Ora, sotto la guida di Massimo Patalano, la struttura alberghiera è diventata un'importante spa medicale e di benessere, dove la vera protagonista della vacanza è l'acqua termale di tipo bicarbonato-sulfureo, un'acqua che sgorga a 43°C.
La forte presenza di idrogeno solforato consente di raggiungere grandi effetti terapeutici a livello dell'apparato respiratorio, della pelle e dell'apparato articolare e muscoloscheletrico. L'acqua termale insieme a quella di sorgente sono alla base di molti trattamenti come: il percorso Rigeneraquae, le vasche a temperature differenziate, gli idromassaggi, il percorso Kneipp e la biosauna aromaterapica.

Ma al Petriolo Spa Resort si dedica molta attenzione anche alle proposte gastronomiche. Ce lo conferma il General Manager Massimo Patalano:
"la nostra struttura si vuole distinguere per una proposta enogastronomica capace di fare conoscere la cucina del territorio ma anche una più creativa. Puntiamo molto sulle capacità dello chef Luigi Sorrentino, un giovane di grande talento".

Luigi Sorrentino, partenopeo DOC, 33 anni, è l'anima e il cuore della cucina del Petriolo Spa Resort. Propone una cucina di alto livello che sposa con originalità ed eleganza tradizione e innovazione.

Il segreto? La ricerca di materie prime di altissima qualità. Ci accoglie con un sorriso e subito ci dice:

"Qui al Petriolo Spa Resort ho trovato quello che mi serve per esprimere una cucina fatta di attenzione alle materie prime, capace nella sua semplicità di fare riconoscere immediatamente ogni singolo elemento che la compone. Unica concessione: impreziosisco i miei piatti con l'aggiunta di spezie, fiori edibili e aromi. Nei due ristoranti dell'hotel proponiamo due tipologie di cucine capaci di rispondere alle diverse esigenze e curiosità del nostro ospite. Al Petriolo Gourmet si possono assaporare piatti della tradizione toscana ma anche piatti più creativi e gourmet. Al Brigante Toscano proponiamo una cucina light ma gustosa.Io sono napoletano, ma amo mixare sapori e tradizioni che provengono da tutte le regioni italiane".

L'obiettivo della cucina del Petriolo Spa Resort?

"Nel nostro albergo ci si può rilassare, dedicare al benessere, ma non per questo rinunciare al gusto".

La tua formazione?

"Dopo aver frequentato la scuola alberghiera di Castellamare di Stabia, ho lavorato in numerosi hotel e ristoranti 4 e 5 stelle d'Italia, tra cui l'Hotel Chateau Monfort e lo Starwood Sheraton Diana Majestic di Milano".

Una sfida vinta?

"Essere chef".

Con chi ti piacerebbe lavorare?

"Antonino Cannavacciuolo, uno chef che sa riportare nella sua arte culinaria la semplicità e la bontà indiscussa della cucina italiana".

Mai pensato di fare un altro lavoro?

"Ho avuto un momento di crisi a 22 anni, ma l'ho superato grazie all'aiuto di mia madre".

Sei social?

"Poco. Al momento utilizzo solo Linkedin".

Che cosa ti piacerebbe fare nei prossimi anni?

"Raggiungere il livello di cucina espresso dagli stellati. Per questo voglio seguire corsi di formazione che mi diano la possibilità di sviluppare la mia creatività".

Il piatto che suggeriresti a un tuo ospite di assaggiare?

"L'uovo al cacao, un raviolo fatto con pasta al cacao e con un ripieno di coniglio e patata".

La dote necessaria per guidare una brigata?

"La pazienza e la capacità di mixare autorevolezza e autorità".

Si parla tanto di cibo. Che cosa si rischia?

"Di essere banali. Il cibo è come una bella donna, lo si conquista con amore e con garbo".

Ci proponi una ricetta, magari che possiamo anche realizzare a casa per ricordarci la vacanza trascorsa al Petriolo Spa Resort?

"Un piatto estivo: la freschezza di Partenope. Un piatto semplice, fresco capace anche di divertire grazie ai suoi colori e agli abbinamenti di gusti declinati in modo da sorprendere!".

La ricetta dello chef Luigi Sorrentino: "La freschezza di Partenope"

La ricetta de "La freschezza di Partenope" è una insalatina di seppia e pesca noce con spuma di ricotta di bufala, pistacchi e scorzette d'agrumi. Vediamone la ricetta.

Ingredienti per 2 persone:
Seppia 130 gr
Pesca Noce1
Ricotta di bufala 80 gr
Granella di pistacchi 5 gr
Buccia limone e arancia 1
Olio, sale pepe
Polvere di pistacchi
Mentuccia
Zeste di agrumi

Preparazione:
1 - Pulire le seppie internamente.
2 - Estrarre delicatamente la testa, successivamente sotto acqua corrente, eliminare le interiora e l'osso centrale.
3 - Infine togliere la pelle.
4 - Asciugare su un panno e con un coltello liscio tagliare le seppie a metà ed infine scalopparle, per poi passarle, una per volta, con una spatola di acciaio, in padella antiaderente, con una leggera pressione per tenerle piatte.
5 - Premere sulla seppia in modo da mantenerla compatta.
6 - Successivamente prendere una pesca noce e, dopo averla lavata, tagliarla a fettine.
7 - Metterla in un piatto e condirla con olio, sale e pepe.
8 - A parte lavorare la ricotta di bufala, aggiungendo la buccia di limone e arancia grattugiata e la granella di pistacchi.

Presentazione:
In un piatto piano mettere nel suo centro prima la seppia, poi la pesca e infine la ricotta. Ripetere l'operazione e, a piatto completato, decorare con zeste d'agrumi, mentuccia e polvere di pistacchi.

Buon appetito!

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Articolo


Buona sera anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

Galleria fotografica:

La bellezza di Partenope

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 31/05/2020 :
832.622

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 24/05/2020 al 30/05/2020 :
4.759.514

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 31/05/2020 :
26.304.261

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 31/05/2020 :
122.626.553