Articolo: Al via 'Olimpiadi vera pizza napoletana' con 150 pizzaioli. 08/10 07 Sede AVPN Via Capodimente NA - Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Gli Articoli inseriti da:
Made in Italy



Articolo inserito in archivio il giorno 09/07/2019 alle ore 10.14.00

Al via 'Olimpiadi vera pizza napoletana' con 150 pizzaioli. 08/10 07 Sede AVPN Via Capodimente NA

 

immagine in primo piano


Acceso Il forno olimpico. Partite ufficialmente le Olimpiadi della Vera Pizza Napoletana.
Con la 'cerimonia' di apertura, tenutasi a Napoli nella sede dell'Associazione Verace Pizza Napoletana, ha preso il via una sfida intercontinentale che per tre giorni, fino al 10 luglio, vede centinaia di pizzaioli in corsa per aggiudicarsi le medaglie 'olimpiche' in 5 discipline (Vera Pizza Napoletana, Per Gourmet, Gluten free, Pizza Fritta e Mastunicola). Spazio quindi
alla 'sfilata delle delegazioni di atleti' arrivate da 20 Paesi e capitanate da Italia, Giappone, Usa, Brasile e Australia. Ma sui vessilli spiegati al vento partenopeo anche le insegne di Malta, Messico, Polonia, UK, Belgio, Canada, Cile, Corea del Sud, Germania, Kuwait, Malesia, Romania, Spagna, Thailandia e Turchia.
Centocinquanta in tutto i maestri dell'impasto, in veste di sfidanti, e più di 1000 gli operatori che hanno preso parte al taglio del nastro dei Giochi, alla presenza di Antonio Pace, presidente Avpn, Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione UniVerde e promotore campagna mondiale #pizzaUnesco, Carla Ruocco, presidente Commissione Finanze della Camera dei Deputati, Mary Ellen Countryman, console generale degli Stati Uniti a Napoli.


At the start 'Olimpiadi vera pizza napoletana' with 150 pizza makers. 08/10 07 Head office AVPN Via Capodimente NA

Turned on The Olympic oven. The Olympics of the True Neapolitan Pizza officially started.
With the opening 'ceremony', held in Naples at the headquarters of the Association Verace Pizza Napoletana, began an intercontinental challenge that for three days, until July 10, sees hundreds of pizza makers running to win the 'Olympic' medals in 5 disciplines (True Neapolitan Pizza, Per Gourmet, Gluten free, Pizza Fritta and Mastunicola). Space then the 'parade of delegations of athletes' from 20 countries and led by Italy, Japan, USA, Brazil and Australia. But on the banners deployed to the Neapolitan wind also the insignia of Malta, Mexico, Poland, UK, Belgium, Canada, Chile, South Korea, Germany, Kuwait, Malaysia, Romania, Spain, Thailand and Turkey.
One hundred and fifty in all, the masters of dough, as challengers, and more than 1000 operators who took part in the ribbon cutting of the Games, in the presence of Antonio Pace, president Avpn, Alfonso Pecoraro Scanio, president of the UniVerde Foundation and promoter of the world campaign #pizzaUnesco, Carla Ruocco, president of the Finance Commission of the Chamber of Deputies, Mary Ellen Countryman, consul general of the United States in Naples.
The new products included in the international Avpn regulations for the award of the collective mark "Verace Pizza Napoletana" were presented. A historical update, which mainly concerns flours, yeast and the processes of leavening and maturation of the dough.
Special guests, respectively in the role of godmother and testimonial of the Olympics, the film producer Martha De Laurentiis and the writer Maurizio De Giovanni who together with President Pace have turned on the Olympic brazier and gave the official start to the three days of competition, which until July 10 will see on the field also young talents ready to fight to win the title of under35 pizza makers in the world.
But at the Olympics of the True Neapolitan Pizza not only space for competition. This year marks the 35th anniversary of the Association Verace Pizza Napoletana and for the occasion was also held an important institutional moment of confrontation with members from around the world. On the table, the enhancement and protection of the product symbol of Neapolitan gastronomy and its art that now look to the future and evolve with the trends and the constant growth of the sector. During the meeting entitled "La Vera Pizza Napoletana: ritorno al futuro. The evolution of the art of Neapolitan pizzaiuolo", with AVPN vice-president, Massimo Di Porzio, and AVPN councillor, Paolo Surace, were presented the innovations included in the international AVPN specification for the award of the collective mark "Verace Pizza Napoletana". A historical update, which mainly concerns flours (with the inclusion of type 0 and percentage of type 1), yeast (from the most important indications on the quantity of fresh beer yeast to be used to the introduction of precise information regarding those of natural sourdough, up to the admission of dry brewer's yeast, provided that no additives, sugars or food improvers are added) and the processes of rising and maturation of the dough (better deepened to obtain a digestible product, fragrant, with an intense and unique taste). There is also room for further details on the products to be used to prepare a real excellent Neapolitan pizza, with a preference for those from Campania, and the inclusion of other product data sheets.
"It was not an easy process, having to deal with an ancient tradition - explained AVPN vice-president Massimo Di Porzio, head of the operation -, which required a long and laborious work with the direct involvement of all our delegates and trustees for testing and research, which lasted over four years, and the Department of Agriculture of the University of Naples in the figure of Professor Paola Vitaglione for technical testing. We naturally started from the essential and unchangeable dogmas of the Neapolitan technique, such as the dough, which must be direct, that is, with all four ingredients put together, starting with water, and must be left to ferment and mature for the time necessary to optimally accommodate the temperature, humidity and time of use of the dough itself; manual skill in the preparation of the pizza, i.e. the centrality of craftsmanship, therefore with the hands and palms, which are an ancient unit of Bourbon measure; baking, perfect with a wood-fired oven, since it respects both tradition and technical specifications at the same time, guaranteeing the three ways of propagating heat.
All this resulted in a major update, which took into account several factors, including clearly the habits and needs of contemporary consumers.
On the flour front, for example, the opening to new types in the Italian classification and, at the same time, the introduction of specifications for flour produced in other countries, respond to a twofold evolution: the significant improvement in production techniques and screening (sieving) by mills in recent years and the growing nutritional needs that require a greater presence of fibers and minerals.
With reference to yeasts and flours, on the other hand, the two different moments of leavening (with the breathing and fermentation of saccharomycetes) and maturation, during which biochemical and enzymatic processes lead to the production of the real Neapolitan pizza, have been better explored. While, in the case of products, the spotlight was more on the ecotypes of tomatoes, dairy products and oils to be used, naturally recommending the made in Campania.
In general, from this epoch-making re-edition of the specification, AVPN has also decided to draw up a 'Manifesto of the True Neapolitan Pizza', signed today by all the pizza makers present at the meeting to testify to their commitment to support this excellence. It is, in fact, an official document that aims, on the one hand, to provide a perfect summary of the points touched in the specification itself and, on the other hand, to raise awareness among all the masters of Neapolitan dough on the need to collaborate and act together to prevent imitations from changing this ancient art, which should certainly be updated, but not overturned. The motto chosen is in fact "We proudly defend our roots, our art: the real Neapolitan pizza!".
Returning instead to the field of competition, start the 'preliminary' phases with the pizza makers called to prepare the dough that will be judged in the first three disciplines (True Neapolitan Pizza, Per Gourmet and Mastunicola). To open the dances will also be the under 35 who will compete for the competition dedicated to them, which will take place in parallel to the Games.


Sono state presentate le novità inserite all'interno del disciplinare internazionale Avpn per l'ottenimento del marchio collettivo "Verace Pizza Napoletana". Un aggiornamento storico, che tocca principalmente le farine, il lievito e i processi di lievitazione e maturazione dell'impasto.
Ospiti d'eccezione, rispettivamente nei panni di madrina e testimonial delle Olimpiadi, la produttrice cinematografica Martha De Laurentiis e lo scrittore Maurizio De Giovanni che insieme al presidente Pace hanno acceso il braciere olimpico e dato il via ufficiale alla tre giorni agonistica, che fino al 10 luglio vedrà sul campo anche giovani talenti pronti a darsi battaglia per vincere il titolo di pizzaioli under35 del mondo.
Ma alle Olimpiadi della Vera Pizza Napoletana non solo spazio per la competizione. Quest'anno ricorre infatti il 35esimo anniversario dell'Associazione Verace Pizza Napoletana e per l'occasione si è svolto anche un importante momento istituzionale di confronto con gli associati arrivati da tutto il mondo. Sul tavolo, la valorizzazione e la salvaguardia del prodotto simbolo della gastronomia partenopea e della sua arte che ora guardano al futuro e si evolvono di pari passo con i trend e la costante crescita del settore. Durante l'incontro intitolato "La Vera Pizza Napoletana: ritorno al futuro. L'evoluzione dell'arte del pizzaiuolo napoletano", con il vicepresidente AVPN, Massimo Di Porzio, e il consigliere AVPN, Paolo Surace, sono state presentate le novità inserite all'interno del disciplinare internazionale AVPN per l'ottenimento del marchio collettivo "Verace Pizza Napoletana". Un aggiornamento storico, che tocca principalmente le farine (con l'inclusione del tipo 0 e in percentuale del tipo 1), il lievito (dalle maggiori indicazioni sulla quantità di lievito di birra fresco da utilizzare all'introduzione di precise informazioni per quanto riguarda quelle del lievito madre naturale, fino all'ammissione del lievito di birra secco, purché senza additivi, zuccheri o miglioratori alimentari aggiunti) e i processi di lievitazione e maturazione dell'impasto (meglio approfonditi per ottenere un prodotto digeribile, fragrante, dal gusto intenso e unico). Spazio inoltre alle ulteriori precisazioni sui prodotti da utilizzare per preparare una verace pizza napoletana eccellente, con preferenza per quelli campani, e all'inclusione di altre schede tecniche di prodotto.
"Si è trattato di un processo non facile, dovendo trattare un'antica tradizione -ha spiegato il vicepresidente AVPN, Massimo Di Porzio, a capo dell'operazione-, che ha richiesto un lavoro lungo e laborioso con il coinvolgimento diretto di tutti i nostri delegati e fiduciari per i test e le ricerche, durati oltre quattro anni, e del Dipartimento di Agraria dell'Università degli Studi di Napoli nella figura della professoressa Paola Vitaglione per le prove tecniche. Siamo partiti naturalmente dai dogmi irrinunciabili e immodificabili nella tecnica napoletana, quali l'impasto, che deve essere diretto, cioè con tutti i quattro ingredienti messi insieme, partendo dall'acqua, e deve essere lasciato a fermentare e maturare per il tempo necessario per assecondare in modo ottimale temperatura, umidità e tempo di utilizzo dell'impasto stesso; la manualità nella preparazione della pizza, ovvero la centralità del lavoro artigianale, quindi con le mani e i palmi, che sono un'antica unità di misura borbonica; la cottura, perfetta con il forno a legna, poiché rispetta contemporaneamente sia la tradizione sia le specifiche tecniche, garantendo le tre modalità di propagazione del calore. Da tutto ciò è scaturito un update importante, che ha tenuto conto di diversi fattori, tra cui chiaramente le abitudini e le esigenze dei consumatori contemporanei".
Sul fronte farine, ad esempio, l'apertura a nuove tipologie nella classificazione italiana e, contestualmente, l'introduzione di specifiche per le farine prodotte in altri paesi, rispondono ad una duplice evoluzione: il notevole miglioramento delle tecniche di produzione e di abburrattamento (setacciatura) da parte dei mulini in questi ultimi anni e i crescenti bisogni nutrizionali che richiedono una maggiore presenza di fibre e sali minerali.
In riferimento ai lieviti e alle farine, invece, sono stati meglio approfonditi i due momenti diversi di lievitazione (con la respirazione e la fermentazione dei saccaromiceti) e di maturazione, durante la quale processi biochimici ed enzimatici portano all'ottenimento della vera pizza napoletana. Mentre, nel caso dei prodotti, i riflettori sono stati puntati maggiormente sugli ecotipi di pomodori, sui latticini e sugli olii da utilizzare, raccomandando naturalmente il made in Campania.
In generale, da questa epocale riedizione del disciplinare, AVPN ha deciso inoltre di redigere un 'Manifesto della Vera Pizza Napoletana', firmato oggi da tutti i pizzaioli presenti all'incontro per testimoniare il proprio impegno a sostegno di questa eccellenza. Si tratta, infatti, di un documento ufficiale che vuole da una parte fornire una perfetta sintesi dei punti toccati nel disciplinare stesso e, dall'altra, sensibilizzare tutti i maestri dell'impasto napoletani sulla necessità di collaborare e agire insieme per evitare che le imitazioni modifichino quest'antica arte, che va certamente aggiornata, ma non stravolta. Il motto scelto è infatti "Difendiamo con orgoglio le nostre radici, la nostra arte: la vera pizza napoletana!!".
Tornando invece sul campo di gara, partite le fasi 'preliminari' con i pizzaioli chiamati a preparare gli impasti che saranno giudicati nelle prime tre discipline (Vera Pizza Napoletana, Per Gourmet e Mastunicola). Ad aprire le danze saranno anche gli under 35 che gareggeranno per la competizione a loro dedicata, che si svolgerà in parallelo ai Giochi.

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Articolo


Buona notte anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

 

Galleria fotografica:

-accensione fuoco olimpiadi della pizza AVPN

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 19/09/2019 :
1.028.368

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 08/09/2019 al 14/09/2019 :
4.480.969

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 19/09/2019 :
12.498.745

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 19/09/2019 :
130.594.574