Rilancio: Con il progetto ARCAM (Arachidi Campane) nuova filiera di sviluppo Green articolo inserito su spaghettitaliani da Nicola Rivieccio
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco

Articolo inserito da Nicola Rivieccio il giorno 24/06/2021 alle ore 21.15.29

Rilancio: Con il progetto ARCAM (Arachidi Campane) nuova filiera di sviluppo Green

 

immagine in primo piano


Si consolida con ottimistiche prospettive una nuova filiera agroalimentare 100% made in Campania per cogliere al meglio, sinergicamente le speciali opportunità offerte dalle peculiari risorse pedoclimatiche, di competenza agricola, di trasformazione e di ricerca accademica e innovazione tecnologica del suo territorio per nuove prospettive di sviluppo socioeconomico Green e sostenibile.



Il rinnovo della convenzione nella sede universitaria di Portici tra il Dipartimento di Agraria della Università Federico II e la primaria azienda del comparto della frutta secca Vincenzo Caputo di Somma Vesuviana (NA) con la presentazione del prodotto dell'annata 2020, confezionato e pronto per la commercializzazione nella GDO e il consumo, il progetto ARCAMP (Arachidi 100% italiane al Sole della Campania), segna un significativo passo per riaffermare la coltivazione dell'arachide in Campania dopo quasi 60 anni di assenza, con gli interessanti risultati ottenuti nella scorsa annata in termini di performance quanti-qualitative.



L'attività progettuale fortemente voluta dall'azienda Vincenzo Caputo, ha come obiettivo l'implementazione di una filiera integrale Green e sostenibile delle arachidi, dal seme al consumo, con certificazione di tracciabilità che ne garantisce l'origine. Un virtuoso impegno messo in campo in partenariato con il Dipartimento di Agraria di Portici Federico II, diretto dal prof.

Danilo Ercolini che ha curato e cura il coordinamento scientifico del progetto con i professori, Gianluca Caruso, per la parte agronomica e Salvatore Faugno, per la parte meccanica e i processi di post raccolta insieme alla supervisione strategica dell'agronomo esperto Italo Santangelo. Coldiretti Campania assicura l'organizzazione tecnica ed agronomica, coinvolgendo le aziende agricole interessate e la Farzati Tech srl che, attraverso la tecnologia BluDev®, è impegnata nel tracciare e a certificare l'origine sicura di tutta la filiera del prodotto, oltre ad una, dozzina di aziende agricole

del Sannio e del Casertano.



"Abbiamo sempre creduto nel prodotto italiano - afferma l'imprenditore, Vincenzo Caputo- abbiamo una linea chiamata Bella Italia a cui mancava l'arachide che è il core business della frutta secca e quindi abbiamo attivato il nostro impegno per consentire di poter valorizzare un prodotto che il territorio campano può rendere al meglio in termini di qualità e sicurezza alimentare."



Nel 2020 le attività sperimentali sono state condotte su circa 50 ha che continueranno, nell'anno in corso, su una superficie quasi doppia con l'obiettivo di ottimizzare le tecniche agronomiche, l'introduzione di tecniche di meccanizzazione più efficienti e gestione delle fasi del post raccolta.



"Siamo molto contenti di rinnovare il nostro supporto a questo progetto, a cui il Dipartimento ha creduto e crede, che ha innescato un progetto virtuoso, quella di riportare in Campania, per la valorizzazione delle sue risorse territoriali, una produzione messa da parte da anni e che può essere, come in passato occasione di reddito ed occupazione con lo sviluppo sostenibile. Una iniziativa che vede in maniera autorevole e lusinghiera, con il coinvolgimento di docenti, ricercatori e studenti, la ricerca accademica costruttiva protagonista nel trasferimento dei suoi risultati con la sensibilità di aziende come la Vincenzo Caputo." - spiega il Direttore del Dipartimento di Agraria, Danilo Ercolini.



Esprime altrettanto soddisfazione il presidente di Coldiretti Campania, Gennarino Masiello per la possibilità di recuperare una coltivazione che mancava dalla Campania da circa 60 anni con una esperienza caratterizzata da un grande entusiasmo e soddisfazione da parte dei produttori per essersi resi conto che il territorio e le imprese hanno una grande predisposizione nel produrre un prodotto come la arachidi 100% campane.

L'evento è stato occasione per degustare le arachidi e preparazioni a base di arachidi presso la "Dispensa del Re", piccola bottega nel cuore del Palazzo Reale inaugurato nel 2019, che si propone autorevolmente nuovo punto di riferimento per la vendita e degustazione di prodotti di eccellenza del territorio regionale campano.
Nicola Rivieccio

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Articolo


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

Galleria fotografica:

-foto arachidi Che bella Italia

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business