Scheda prodotto inserita su Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy

Nettare di Albicocca del Vesuvio - barattolo da 720 ml

Azienda Agricola Sapori Vesuviani

€ 6.00

L'Albicocco (Armeniaca Vulgaris), specie di origini antichissime proveniente dalla Cina sud-occidentale al confine col Pakistan, è stata introdotta in Italia dai Romani proveniente dalla regione dell'Armenia e della Grecia. La presenza dell'albicocco alle pendici del Vesuvio è documentata già nel I° secolo d. C. negli scritti di Plinio il Vecchio, anche se le prime testimonianze certe di una coltivazione intensiva nell'area risalgono al 1583 quando Gian Battista Della Porta, scienziato napoletano, nell'opera "Suae Villae Pomarium", divide le albicocche in due grandi gruppi: le Bericocche di forma tonda, con la polpa molle, bianca e aderente al nocciolo e le Chrisomele (dal greco chrisomelos ovvero mele d'oro) con la polpa non aderente al nocciolo, molto colorate, soavi e più pregiate.
Le "crisommole", sono i frutti più coltivati nell'area vesuviana, dove la natura vulcanica del terreno, la ricchezza di minerali e di potassio, favoriscono questa coltura conferendo ai frutti un sapore unico e caratteristico.
Con la denominazione di Albicocca Vesuviana si indicano, in realtà , circa 100 antiche varietà, interamente autoctone e frutto di una selezione mendeliana, la cui area di produzione coincide con il territorio del Parco Nazionale del Vesuvio. Poetici e bizzarri sono i nomi attribuiti alle diverse varietà: Baracca, Boccuccia Liscia, Boccuccia Spinosa, Pellecchiella, Portici, Ceccona, Palummella, Vitillo, San Castrese, Fracasso, Cafona, Baracca, Prete, Prete bello, Taviello, San Francesco, Setacciara, Acqua di Serino etc.
A caratterizzare e distinguere una varietà dall'altra sono le dimensioni, l'intensità del profumo, la levigatezza della buccia ed il sapore che va da quello molto dolce delle albicocche Pellecchiella, all'aroma agro-amarognolo della varietà Vitillo. Ma vi sono caratteristiche comuni quali la polpa gialla zuccherina, il profumo intenso ed il colore giallo aranciato della buccia, cui si sovrappone il rosso sfumato o punteggiato.
La maturazione avviene nel periodo medio-precoce, tanto che la raccolta è effettuata già a partire dalla metà del mese di giugno.
Destinata al consumo diretto e fresco, l'Albicocca Vesuviana è molto richiesta anche dall'industria di trasformazione, per la produzione di confetture, succhi, nettari, sciroppi e canditi.

Peso netto: 720 ml

Ingredienti:
Albicocca del Vesuvio, acqua, zucchero di canna, succo di linone
Frutta minima: 60%
Zuccheri aggiuntivi: 10 g/l

Dichiarazione Nutrizionale - Media per 100 g
Valore Energetico: 273 kl/64 kcal
Grassi: 0,1 g
di cui acidi grassi saturi: <0,1 g
Carboidrati: 15,2 g
di cui zuccheri: 15,2 g
Fibre: 0,9 g
Proteine: 0,2 g
Sale: 0,005 g

Conservare in Frigo a 4° dopo l'apertura e consumare in tempi brevi.


Allergeni:

cereali

crostacei

uova

pesce

arachidi

soia

latte

 

 

 

 

 

 

 

frutta con guscio

sedano

senape

sesamo

solfiti

molluschi

lupini


la presenza o meno degli allergeni è stata segnalata direttamente dall'azienda o dall'attività interessata,
che se ne assume la responsabilità



abbinato a SPAGHETTITALIANI - la piattaforma dedicata ai prodotti regionali Made in Italy