Cotoletta dei boschi - La Penna Gastronomica e la Cucina d'Autore - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Le Ricette inserite da:
La Penna Gastronomica e la Cucina d'Autore



             

 

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 19/03/2014 alle ore 22.47.50

Cotoletta dei boschi

Verdure, legumi, patate

Autore della Ricetta:

Celeste Ferrari

 

 

-LA COTOLETTA DEI BOSCHI

Dosi per: 2

8 cappelle di grosse mazze di tamburo
2 uova
½ l di olio per friggere
50 g di parmigiano reggiano grattugiato
un pugno di pangrattato
il succo di un limone
sale.

 

Esecuzione:

Lavate frettolosamente le cappelle, facendo attenzione che non si rompano, poi asciugatele accuratamente. Sbattete le uova, il parmigiano e il sale con la forchetta, passatevi dentro le cappelle poi ripassatele nel pangrattato. Scaldate l'olio in una padella e mettetevi le cappelle a rosolare per 15 minuti circa. Prima di servire fate scolare l'unto in eccesso su un foglio di carta assorbente da cucina, e aggiungete il sale e il succo di limone.

Regione: Lazio

Vino:

Si consiglia il Colli Piacentini Malvasia, un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Piacenza.

Caratteristiche organolettiche
colore: paglierino o paglierino scarico.
odore: aroma caratteristico anche intenso.
sapore: secco o abboccato o amabile o dolce, armonico, fresco, tranquillo, vivace.

Note:

Oggi vi proponiamo una ricetta con la Mazza di tamburo.
Sapete cos'è?
La Macrolepiota procera, volgarmente conosciuta come Mazza di tamburo, Puppola, Bubbola maggiore, Ombrellone o Parasole è uno dei più vistosi, conosciuti ed apprezzati tra i funghi commestibili é, però, un fungo tossico da crudo o malcotto, necessita quindi di adeguata cottura, va perciò evitata la preparazione alla piastra o alla griglia, poiché le parti interne potrebbero rimanere parzialmente non cotte. Specie molto nota e diffusa su tutto il territorio nazionale, è riconoscibile per la forma slanciata e per le notevoli dimensioni che può raggiungere. Viene volgarmente chiamata "mazza di tamburo" per sua forma iniziale, ossia quando il cappello è ancora chiuso sul lungo gambo coriaceo, oppure "ombrellone" quando, invece, nello stadio finale di maturazione, il cappello si apre completamente.


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buona sera anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 08/12/2019 :
959.052

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 01/12/2019 al 07/12/2019 :
4.590.681

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 08/12/2019 :
5.549.733

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 08/12/2019 :
184.503.907