Il sogno americano e la giustizia sociale USA in My America, di Barbara Cupisti, produzione Clipper Media articolo inserito su spaghettitaliani da Renato Aiello
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Articolo inserito da Renato Aiello il giorno 18/11/2020 alle ore 18.42.42

Il sogno americano e la giustizia sociale USA in My America, di Barbara Cupisti, produzione Clipper Media

 

immagine in primo piano

Sarà presentato in streaming su Mymovies.it da lunedì 23 novembre a partire dalle ore 14:00 e per 48 ore, nella sezione Fuori Concorso / Doc, nell'ambito della trentottesima edizione del Torino Film Festival, che si terrà interamente in streaming dal 20 al 28 novembre 2020, il documentario 'My America', scritto e diretto da Barbara Cupisti (Madri; Fratelli e Sorelle e la trilogia Esuli) e prodotto da Sandro Bartolozzi, una produzione Clipper Media con Rai Cinema, con il patrocinio del Robert F. Kennedy Human Rights. Il documentario si avvale della produzione esecutiva di Adriano Wajskol, della direzione della fotografia di Antonello Sarao, del montaggio di Francesca Mor e delle musiche originali di Tommaso Gimignani. Il film, le cui riprese sono state realizzate interamente negli Stati Uniti e in particolare a Chicago, Los Angeles e in Arizona è realizzato con il sostegno della Regione Lazio - Fondo regionale per il cinema e l'audiovisivo.

Gli Stati Uniti sono un simbolo di libertà, il grande esperimento sociale formato da principi di democrazia, uguaglianza e ricerca della felicità, ma questo ideale di prosperità e libertà individuale riflette la vita di tutti i cittadini americani? Il documentario 'My America' racconta, con la viva voce della sua regista, il malessere sociale che si manifesta in eventi e situazioni drammatiche, ma anche la capacità e la determinazione di cittadini comuni, attivisti di base, che cercano di sfidare e riparare la fibra morale e la sostenibilità del Paese.

"Il Sogno Americano esiste ancora? E se esiste dov'è? - questa la domanda che ha guidato la regista, Barbara Cupisti, nella realizzazione del documentario - Ho deciso di realizzare 'My America' perché dal 2014, da quando vivo negli Stati Uniti, ho capito che in quella che è considerata la più grande democrazia del mondo ogni giorno si vivono conflitti interni che producono un numero enorme di vittime, numeri di una guerra. Mi sono resa conto - continua Cupisti - che le informazioni che arrivano in Europa, ma anche negli stessi Stati Uniti, tramite i media ufficiali, sono parziali e non catturano a pieno il livello di conflitti, violenza e di povertà che sono parte integrante, anche se meno evidente, della società americana. 'My America' dà voce anche e soprattutto a coloro che ogni giorno si battono per la giustizia sociale e per porre fine a violenze e morti che possono essere prevenute".



LA REGISTA - BARBARA CUPISTI
Diplomata all'Accademia Nazionale D'Arte Drammatica Silvio D'Amico, inizia la sua carriera come attrice di teatro con Peppino Patroni Griffi e poi nel cinema con La Chiave, di Tinto Brass. In seguito lavora anche con Dario Argento, Michele Soavi, Lucio Fulci, Lamberto Bava, Norman Jewison, Paul Planchon, Antonio Pedro Vasconcelos, John Lofve, Gabriele Salvatores, Angelo Orlando, Carlo Verdone e Franco Bernini. Nel 2002, è apparsa in Total Kheops con Marie Trintignant e Richard Bohringer. Passata poi alla conduzione e in seguito alla regia di programmi socio culturali su Rai Tre, Rai Sat e Rai International scopre l'interesse nel raccontare storie di uomini e donne, trovando nel documentario il modo ideale di scrivere per immagini. Inizia quindi a girare lunghi documentari per il cinema. Il suo primo film, Madri, proiettato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia del 2007, ha vinto il David di Donatello nel 2008 come Miglior Documentario dell'anno. Il secondo documentario, Vietato sognare (2008), proiettato in diversi festival cinematografici internazionali, ha ricevuto riconoscimenti quali l'"Amnesty International Cinema and Human Rights Award" al Festival Internazionale del Cinema di Pesaro e l'Alto Patronato da parte dell'Unicef Italia. Nel 2011, il film Io Sono, che ha ottenuto il patrocinio di Amnesty International, è stato presentato fuori concorso alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Nel 2012, Fratelli e Sorelle, storie di carcere, realizzato con Rai Cinema, vince il Premio Flaiano e il Premio Ilaria Alpi per il Miglior lungo reportage italiano e viene candidato come Miglior documentario di lungometraggio ai David di Donatello. Nel 2013 il documentario Interferenze Rom, e nel 2014/15 Esuli, trilogia che racconta storie di esuli del Terzo Millennio, vincendo il Nastro d'Argento per i documentari. Nel 2016/17 Womanity, documentario lungometraggio ambientato tra India, Egitto e USA, che narra la "resilienza" delle donne, presentato alla Festa del Cinema di Roma 2018 e vincitore del miglior Documentario al Festival Internazionale del Cinema di Madrid.

cs

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Articolo


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

Galleria fotografica:

Il sogno americano e la giustizia sociale USA in My America, di Barbara Cupisti, produzione Clipper Media con Rai Cinema

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business