Fesa di tacchino lardellata con patate a spicchio - Pasquale Franzese - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Le Ricette inserite da:
Pasquale Franzese



             

 

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 27/01/2018 alle ore 06.01.25

Fesa di tacchino lardellata con patate a spicchio

Pollame

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

 

 

-Fesa di tacchino lardellata con patate a spicchio

Dosi per: 10

3 n° fese di tacchino da 600 gr
10 gr prezzemolo
4 gr aglio tritato
50 gr pomodoro secco
100 gr prosciutto cotto
4 fettine di lardo colonnato
100 ml olio evo
2 kg patate
5 gr rosmarino
5 gr aglio intero
200 ml vino bianco secco

 

Esecuzione:

Fare un battuto con prosciutto cotto, prezzemolo, aglio tritato, pomodoro secco.
Farcire al centro della fesa di tacchino con il battuto.
Adagiare le fettine di lardo all'esterno delle fese.
Legare le fese di tacchino con lo spago.
Tornire e tagliare le patate a spicchio.
Nella bastardella condire e aromatizzare le patate con olio, sale, rosmarino e sale.
Adagiare su una teglia con carta da forno le patate e le fese di tacchino.
Irrorare con vino le fese.
Infornare a 180°C per circa un'ora, ricordando di girare le fesi di tacchino.
Servire a tavola con patate.

Regione: Sardegna

Vino:

Cantina Piero Mancini: Vermentino di Sardegna DOC
Una delle perle della produzione Piero Mancini, prodotto in purezza da uve Vermentino, coltivate con grande cura in terreni vocati, molto ricchi di sali minerali e nutrienti naturali.

Note:

Il lardo nasce a Colonnata intorno al 1800 come piatto povero del cavatore.
La storia racconta che un cavatore, mettendo del maiale con degli aromi in una conchetta di marmo, scoprì una delle eccellenze tipiche toscane rinomate in tutto il mondo. Alla fine degli Anni '70 quattro ragazzi di Colonnata cominciarono a far conoscere il lardo, mettendo un banchetto nella piazza del paese, per far assaggiare questo prelibato salume, proponendolo con pomodoro e bruschette. Pian piano la gente ha cominciato ad assaggiarlo, apprezzarlo e comprarlo, facendoselo perfino spedire a casa in grosse quantità. Dal 2004 il lardo di Colonnata ha ottenuto il riconoscimento IGP, (indicazione geografica protetta).
il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buona notte anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 26/05/2020 :
663.467

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 17/05/2020 al 23/05/2020 :
5.489.555

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 26/05/2020 :
22.573.692

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 26/05/2020 :
118.895.984