Minestra di zucca con pasta tagliata - Pasquale Franzese - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.


Le Ricette inserite da:
Pasquale Franzese



             

 

Ricette d'Autore

Ricetta inserita in archivio il giorno 17/12/2019 alle ore 06.29.28

Minestra di zucca con pasta tagliata

Minestre e zuppe

Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

 

 

-Minestra di zucca con pasta tagliata

Dosi per: 10

1 kg gr zucca sarda
800 gr pasta lunga "spaghetti"
20 gr aglio
5 gr peperoncino fresco
20 ml vino vermentino
40 gr scorze "bucce" di pecorino sardo
100 ml olio evo
2 l acqua
150 gr pecorino grattugiato

 

Esecuzione:

tagliare la zucca a cubetti di media misura 2-3cm.
Soffriggere in una casseruola l'aglio con il peperoncino e scorza di formaggio.
Versare la zucca e lasciare rosolare a fiamma alta per qualche minuto.
Bagnare con vino, dopo che il tutto evapora aggiungere l'acqua fino a coprire la zucca.
Lasciare cuocere per 25 min. se c'è bisogno, aggiungere altra acqua.
Salare.
Rompere o spezzare gli spaghetti, lunghezza 4 cm.
Mettere in cottura nella zucca con abbondante acqua.
Servire a tavola con una spruzzata di pecorino grattugiato.

Regione: Sardegna

Vino:

Cantina ARU: vino rosè Pan di Zucchero

Note:

La minestra è una "vivanda di riso o pasta, in brodo con verdure e legumi, o cotta in acqua, scolata e condita", è nata come "brodo" e ancora oggi per minestra si intende per lo più una preparazione liquida con verdura. Il termine "minestra" è molto antico e si trova scritto sin dal '200, deriva dal latino "minestrare", che vuol dire somministrare e anche servire a tavola. Nel tempo sono nati molti detti: "mangiare sempre la stessa minestra", "mangiar questa minestra o saltare dalla finestra", "un piatto di minestra non si nega a nessuno". Il diminutivo minestrina si riferisce sempre a piatti in brodo leggeri, mentre l'accrescitivo minestrone indica una preparazione a base di verdure, pasta e riso.
Il termine zuppa è invece molto più recente (XV-XVI sec.) e deriva dalla voce gotica "suppa" che vuol dire "fetta inzuppata". La sua preparazione è infatti costituita da pane (raffermo) immerso in un brodo di legumi e verdure. Le zuppe di ceci, lenticchie e fagioli si diffusero a partire da questo periodo.
il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360
il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buona notte anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

-Minestra di zucca con pasta tagliata
-Minestra di zucca con pasta tagliata
-Minestra di zucca con pasta tagliata

 

 

 

STATISTICHE GIORNALIERE

Pagine viste nel giorno 23/02/2020 :
692.385

STATISTICHE SETTIMANALI

Pagine viste nella settimana dal 16/02/2020 al 22/02/2020 :
5.709.813

STATISTICHE MENSILI

Pagine viste mensili al 23/02/2020 :
18.384.078

ANDAMENTO PROGRESSIVO ANNUO

Pagine viste annuali al 23/02/2020 :
42.768.762