Arrosto morto di pecora sarda - Pasquale Franzese - Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: Tutte le sezioni e i servizi di spaghettitaliani sono gratuiti e quanto viene pubblicato al suo interno non ha una periodicità regolare, quindi spaghettitaliani non può essere considerata una testata giornalistica.

 

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco

Le Ricette d'Autore su Telegram
visualizza statistiche

 

Arrosto morto di pecora sarda

Agnello, montone

 

Arrosto morto di pecora sarda

Ricetta inserita in archivio da Pasquale Franzese il 11/12/2020 alle ore 17.21.01



Ricette d'Autore


Autore della Ricetta:

Pasquale Franzese

Chef/Docente di enogastronomia

 

 

Dosi per: 10

Mix per imbottitura:
5 gr prezzemolo
2 gr pepe
15 gr pomodori secchi
100 gr pancetta
300 gr prosciutto cotto o mortadella
50 gr grana
5 gr sale
20 gr olio

1 coscia di pecora sarda disossata (circa kg 2,5)
500 gr mirepoix grasso
450 gr mix per imbottitura
1,5 l brodo vegetale
100 ml vino rosso carignano del sulcis
20 gr aglio
50 gr amido
spago da cucina

 

Esecuzione:

Nel cutter frullare tutto il mix per l'imbottitura.
Nella parte interna del cosciotto stendere il mix per l'imbottitura.
Chiudere il cosciotto e legare bene con uno spago da cucina.
In una bella casseruola capiente effettuare un soffritto con olio, aglio schiacciato e mirepoix.
Adagiare il cosciotto e rosolare bene a fiamma alta le estremità.
Bagnare con vino, e lasciare evaporare.
Versare il brodo e cuocere a fiamma bassa per circa quattro ore con coperchio (se c'è bisogno aggiungere acqua).
Portare a riduzione i liquidi e rigirare ogni tanto il cosciotto.
A cottura ultimata infornare il cosciotto nel forno a 210°C per circa 35 min. (è pronto quando la parte esterna è ben caramellata).
Con il fondo rimasto, frullare il tutto, filtrare ed amidare la salsa, mettere sul fuoco fino a riduzione e della giusta densità.
Servire il cosciotto con la salsa.

Regione: Sardegna

Vino:

Cantina Piero Mancini: Cannonau di Sardegna è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata ottenuto da uve Cannonau.

Note:

Pellegrino Artusi cita: 526 l'arrosto morto deve essere cucinato in tegame, con una fiamma appena percettibile, lentamente, con una cottura più lunga di una veglia funebre. Come a tutte le veglie, non importa che lo fissiate in continuazione, potete, nel frattempo, smangiucchiare, chiacchierare, o se preferite, spettegolare su chi non ha più modo di sentirvi.

il mio primo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=914360

il mio secondo libro pubblicato:
http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/cucina/88462/i-segreti-del-pizzaiolo/

 



 


Se hai inserito tu questa ricetta e ne sei l'autore, puoi richiedere GRATUITAMENTE l'applicazione del bollino RICETTA ORIGINALE, e richiederci successivamente la relativa certificazione GRATUITA.
Basta scaricare il modulo con la dichiarazione di paternità, compilarlo in tutte le sue parti a mano e inviarcelo (va bene anche una fotografia) all'indirizzo biennale@spaghettitaliani.com.

dichiarazione di paternità


 

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questa Ricetta


Buon pomeriggio anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

-Arrosto morto di pecora
-Arrosto morto di pecora
-Arrosto morto di pecora
-Arrosto morto di pecora

 

 

 

 

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business