Ecco, faccio una cosa nuova, prima personale in galleria RIBOT a Milano dell'artista Bénédicte Peyrat, che vive e lavora a Burgondy e Karlsruhe news inserita su spaghettitaliani da La Tavola di Renato
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: Tutte le sezioni e i servizi di spaghettitaliani sono gratuiti e quanto viene pubblicato al suo interno non ha una periodicità regolare, quindi spaghettitaliani non può essere considerata una testata giornalistica.

 

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco



Evento segnalato su spaghettitaliani da:
La Tavola di Renato



Evento (Mostre) inserito in archivio il giorno 14/02/2023

Ecco, faccio una cosa nuova, prima personale in galleria RIBOT a Milano dell'artista Bénédicte Peyrat, che vive e lavora a Burgondy e Karlsruhe

 

visualizza eventi di Milano


immagine in primo piano

RIBOT è lieta di presentare Ecco, faccio una cosa nuova, prima personale in galleria dell'artista Bénédicte Peyrat (Parigi, 1967, vive e lavora a Burgondy, FR e Karlsruhe, DE).

Un versetto biblico tratto dal Libro del profeta Isaia, qui ripreso non senza una velata ironia, è usato come titolo del nuovo progetto espositivo della pittrice, che attraverso le sue opere si interroga sul valore della memoria e sul concetto di novità connesso a una pratica antica come quella del dipingere.

Peyrat trasforma l'intera galleria in un vero proprio environment, intervenendo direttamente sui muri che divengono supporto dei wall paintings eseguiti ad acquerello. Questi sono al contempo opera e sfondo, poiché al di sopra vengono successivamente allestiti una serie di lavori ad acrilico su tela. Prende vita così un ambiente costruito attraverso due modi di vivere e intendere la pittura completamente diversi. Il primo, più immediato e istintivo, privo della possibilità di un ripensamento e connesso ad una visione quasi ancestrale della creazione artistica. Il secondo, legato ad immaginario più classico e a un'idea più meditativa del dipingere che implica addirittura la possibilità di rimanere anni intorno all'esecuzione di un quadro.

I motivi dei wall paintings sono tratti da schizzi "veloci" e pieni di luce realizzati nei mesi estivi e autunnali appena trascorsi, opere caratterizzate dall'utilizzo di colori tenui e di forme dai profili labili, dipinti dotati di una libertà espressiva unica che si dissolve nella materia. I quadri sembrano invece appartenere ad un altro mondo, capace di riecheggiare la nobile tradizione della grande pittura europea: dalla scuola veneta rinascimentale, fino al Romanticismo francese. Soggetti delle tele sono i caratteristici personaggi bizzarri e quasi metamorfici ricorrenti nell'iconografia dell'artista, unitamente a oggetti o animali simbolici posti in relazione alla figura senza un nesso apertamente dichiarato. L'ambientazione nella natura dell'immagine, anch'essa tipica, è l'espediente che contribuisce a conferire alla composizione un lirismo unico. Quello che le pennellate restituiscono è la materializzazione di un locus amoenus ove la concezione del tempo e dello spazio si smarrisce.

Lo stesso senso di straniamento, mai respingente, anzi piuttosto attrattivo, si ritrova nello special project realizzato per la galleria: una serie acquerelli su carta inediti ove la figurazione ancora una volta è visionaria e non imitativa e dove la luce costruisce la forma.

Bénédicte Peyrat (Parigi, 1967, vive e lavora a Burgondy, FR e Karlsruhe, DE). Ha studiato presso Académie de Port-Royal a Parigi. Sue mostre personali e collettive si sono tenute presso: Thomas Rehbein Galerie, Colonia, 2020, 2012, 2005; Galerie Clemens Thimme, Karlsruhe, 2022, 2018, 2016, 2015, 2010, 2009, 2008; Kunstverein, Mannheim, 2019, 2007; Städtischen Galerie Villa Streccius, Landau Pfalz, 2018; Kolumba Museum, Colonia, 2018, 2008; Kunstsammlung Jena, 2016; Thomas Rehbein Galerie, Bruxelles, 2015; Schultz Contemporary, Berlino, 2015, 2005; Gesellschaft der Freunde junger Kunst, Baden-Baden, 2013; Galleria Paolo Curti / Annamaria Gambuzzi and Co., Milano, 2012, 2011, 2009; Morgan Lehman Gallery, New York, 2010, 2009; Schloss Detmold, Kunstverein Lippe, 2010; Neuer Kunstverein Aschaffenburg e.V., Aschaffenburg, 2009. I premi includono: Preis des Kuratoriums des Mannheimer Kunstvereins, 2007; Herrenhaus Edenkoben, 2004; Künstlerhaus Schloß Balmoral, Bad Ems, 2003; Prix Corpet de la Fondation Taylor, 2000; Prix Oulmont de la Fondation de France, 1990; Grand Prix de Port-Royal, 1987.

 

 

 

 

  • Commenti
  • Aggiungi un commento


Non sono presenti commenti in questo Evento


Buon giorno anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.

 

 

Galleria fotografica:

 

Ecco, faccio una cosa nuova, prima personale in galleria dellartista Bndicte Peyrat (Parigi, 1967, vive e lavora a Burgondy, FR e Karlsruhe, DE).

 

 

 

 

 

 

 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business