The Music Center - Dream Theater - Musica e Teatro by Spaghettitaliani - la piattaforma dedicata al Made in Italy
Close

ATTENZIONE! Spaghettitaliani utlizza i Cookie. Puoi leggere come li usiamo nella nostra Informativa Cookie. Inoltre puoi leggere l'Informativa per la Privacy e le nostre Condizioni d'uso, tutte raggiungibili in ogni pagina del sito attraverso la voce Contatti e Info del Menù.

× INFO: TUTTE LE SEZIONI E I SERVIZI DI SPAGHETTITALIANI SONO GRATUITI.

Traslate:   francese   giapponese   inglese   portoghese   spagnolo   tedesco




The Music Center
Dream Theater





il Music Center di Dream Theater è stato visualizzato 3.958 volte - visualizzazioni di oggi: 1

 

Immagine non disponibile

 

il materiale qui inserito si trova nei nostri archivi in quanto inviatoci direttamente dagli artisti o da strutture in qualche modo a loro collegati (casa discografica, agenzia spettacoli, ufficio stampa, ...)

se vuoi inserire un'immagine o altri contenuti nel tuo Music Center contatta la nostra redazione per ricevere informazioni, inoltre potrai anche richiedere di avere attivato un tuo account personalizzato per gestirlo autonomamente

PROSSIMI CONCERTI

prossimamente non ci sono concerti programmati per questo artista o gruppo

LINK

Sito ufficiale: http://www.dreamtheater.net/
Facebook: -
Instagram: -
Twitter: -
You Tube: -
Fan Club: -
Casa discografica: -
Agenzia spettacoli: -
Ufficio stampa: -

 

 

 

Le fotografie e tutto il materiale pubblicato in questa pagina, se non prodotto da noi, ci è stato inviato o dall'autore o da uno degli uffici stampa con noi collegat, e viene riportato sempre con il nome dell'autore (se ci è stato segnalato), e viene inserito a solo scopo giornalistico-divulgativo.
La nostra redazione non si assume alcuna responsabilità su un eventuale uso improprio di quanto riportato in questa pagina.
Per ogni eventuale modifica da apportare ai contenuti presenti in questa pagina o qualsiasi tipo di contestazione, scrivete alla nostra redazione (le contestazioni non firmate non saranno prese in considerazione, si consiglia di inserire anche un recapito telefonico).

 

Fotografie in archivio

 

  • Concerti
  • Biografia
  • Articoli e News
  • CD e ...

Concerti

 

Tutti i concerti di Dream Theater nel 2023

 

2022

2024

 

25-01-2023 - Brescia - Gran Teatro Morato

24-01-2023 - Firenze - Tuscany Hall

23-01-2023 - Napoli - PalaPartenope

Biografia

 

I Dream Theater sono un gruppo progressive metal statunitense, fondato nel 1985 a Boston da John Petrucci, Mike Portnoy e John Myung.

Nati inizialmente come "Majesty", i Dream Theater sono diventati una delle band progressive di maggior successo commerciale degli anni novanta. La band è rimasta celebre negli anni grazie anche alla qualità dei suoi componenti, molto apprezzata, e ai progetti esterni a cui hanno preso parte. Un esempio di ciò è il chitarrista John Petrucci, che è stato chiamato per sei volte come terzo componente dei G3.

I loro dischi più venduti sono Images and Words (1992), che vinse il disco d'oro negli Stati Uniti e si piazzò alla posizione #61 della classifica Billboard 200, vendendo complessivamente 2 milioni di copie nel mondo, ed Awake (1994), che salì alla posizione #32<. Hanno venduto complessivamente sei milioni di dischi negli U.S.A., ed oltre quindici milioni nel mondo.

I Dream Theater sono considerati il gruppo principale e di maggior riferimento della scena progressive metal e sono inoltre indicati come i veri e propri inventori del genere. L'uscita dell'album Images And Words, nel 1992 è spesso menzionata come "data ufficiale di nascita" del progressive metal. In realtà prima di loro vi erano stati già alcuni gruppi che avevano provato una commistione tra heavy metal e progressive rock. Stiamo parlando dei Fates Warning e dei Queensrÿche. Il loro heavy metal, infatti, si presentava più sperimentale rispetto ad altri gruppi di quel periodo. Tuttavia, però, la loro musica era ancora basata prevalentemente sulle sonorità classiche del metal e solo per brevi tratti si concedeva a momenti di sperimentazione che tuttavia consistevano semplicemente in semplici arpeggi di chitarra e melodie leggermente più delicate che solo in parte si rifacevano alla tradizione prog. La loro musica, per quanto più evolutiva rispetto ad altri gruppi metal, non aveva ancora le caratteristiche per essere considerata vero e proprio progressive metal. Solo con l'arrivo dei Dream Theater si arriverà ad una vera e propria fusione fra i due e solo dopo l'uscita di Images And Words la definizione progressive metal comincerà ad essere utilizzata ed altri gruppi adotteranno questa formula dando origine ad una nuova realtà musicale. Proprio per questo motivo i Dream Theater vengono designati come i padri del progressive metal.

Il primo nucleo storico sorge dall'incontro del chitarrista John Peter Petrucci e dell'amico John Ro Myung (bassista) con il batterista Michael Stephen Portnoy, avvenuto nel Berklee College of Music di Boston, scuola musicale che i tre frequentavano. Vennero invitati a far parte della formazione anche Kevin Moore (alle tastiere) e Chris Collins (alla voce): nacquero così, nel 1985, gli allora Majesty. Questo moniker fu scelto in seguito ad un commento di Portnoy sulla traccia Bastille Day dei Rush, definita dal batterista maestosa, in lingua inglese "majestic".

Successivamente il gruppo dovette cambiare nome per motivi di copyright (esisteva già un gruppo jazz in California di nome "Majesty") e sostituì anche il cantante, a causa di ricorrenti dissapori fra lo stesso Collins e gli altri membri del gruppo. Il nuovo nome, "Dream Theater", fu tratto da quello di un cinema di Monterrey in California, e l'idea di dare questa denominazione alla band venne al padre di Portnoy. Il simbolo del gruppo è lo stemma dell'anello di Maria Stuart di Scozia: raffigura la sua iniziale (M) incastonata con quella di suo marito, Francesco II di Francia (phi greco F).

Charlie Dominici entrò a far parte del gruppo come cantante nel 1988. Con lui la band registrò, l'anno successivo, When Dream and Day Unite, per l'etichetta Mechanic Records, con cui la band aveva firmato un sostanzioso contratto il 23 giugno 1988. Si tratta di un album chiaramente ispirato all'opera di gruppi come Rush e Queensrÿche, entrambi noti per aver tentato di unire in una soluzione originale e coerente elementi hard rock, heavy metal e progressive; rispetto a questi esempi, tuttavia, il sound dei Dream Theater appare più estremo ed intriso di arrangiamenti sinfonici e di melodie dai richiami classicheggianti. Tra i brani dell'album d'esordio del gruppo sono in particolare da ricordare il brano d'apertura A Fortune in Lies, poi divenuta un cavallo di battaglia delle esibizioni live del gruppo; The Ytse Jam (Majesty letto al contrario), altro brano-simbolo del gruppo, che richiama YYZ dall'album Moving Pictures dei Rush, dal punto di vista musicale; Only A Matter Of Time (con il suo intermezzo neo-classicheggiante).

Dopo alcuni concerti a sostegno di When Dream and Day Unite, durante i quali la band suonò anche a Rhode Island, New York, la band si rese conto che neanche Charlie Dominici era adatto a ricoprire il ruolo di cantante e frontman. Dopo quasi due anni di estenuanti ricerche, nel 1990 vengono contattati dal canadese Kevin James LaBrie (in seguito chiamato James per non confonderlo con il tastierista Kevin Moore), che dopo un'audizione sostituì Dominici. Prima di pubblicare l'album successivo, la band cambiò etichetta abbandonando la Mechanic Records che era fallita in favore dell'Atlantic Records. Nel 1991 i Dream Theater incisero un album fondamentale per la loro storia e per la storia della musica in generale: Images and Words (pubblicato nel 1992). Questo album viene considerato il primo esempio di progressive metal in senso compiuto, nonché uno dei dischi heavy metal più rappresentativi degli anni novanta.

Lo stile di Images and Words (in seguito elaborato dal gruppo in tutti i lavori successivi) è una rilettura in chiave metal moderno del rock progressivo; il riferimento è soprattutto al progressive classico degli anni '70 (Yes, King Crimson, Pink Floyd) ma ci sono punti di contatto evidenti anche con esperienze successive (dai Rush al neoprogressive di gruppi come Marillion o IQ). La stessa struttura dei brani rivela l'intento abbastanza evidente del gruppo di riferirsi al progressive: già in Images and Words quasi tutti i pezzi sono suite articolate, con temi ricorrenti e divagazioni strumentali.

Nel 1993 fu pubblicato il primo album live dei Dream Theater, Live at the Marquee, registrato nel famoso locale di Londra. Il disco è in realtà un EP con soli 6 pezzi; fra questi compaiono anche brani tratti del primo album When Dream and Day Unite re-interpretati da James LaBrie.

L'anno successivo fu pubblicato Awake; rispetto al precedente, l'album ha tinte più forti, dure, oscure, sempre in chiave evidentemente progressive. Forse ancora più che nei precedenti lavori, con Awake emerge il virtuosismo tecnico come uno dei tratti distintivi dello stile del gruppo. Awake fu inizialmente accolto in modo tiepido dal pubblico e dalla critica, che non vi ritrovò molti degli elementi che avevano decretato il successo di Images and Words; a posteriori, molti sostengono invece che si tratti di una pietra miliare nella carriera della band e una prova della loro capacità di innovazione.

La pubblicazione di Awake coincise con l'uscita dalla band di Kevin Moore, tastierista del gruppo, a causa di incomprensioni musicali con gli altri membri della band. A sostituire Moore fu chiamato Derek Sherinian, col quale i Dream Theater incisero nel 1995 l'EP A Change of Seasons (le partiture di tastiera della title track, primo brano dell'album e suite di 23 minuti a cui il gruppo aveva iniziato a lavorare nel 1989 rielaborandola attraverso gli anni, erano comunque state scritte da Moore, nonostante il nuovo tastierista abbia apportato qualche modifica). In seguito A Change Of Seasons apparve in numerose testimonianze live del gruppo. Oltre alla title track, che per durata e struttura musicale può essere confrontata a 2112 dei Rush o The Ivory Gate of Dreams dei Fates Warning, l'EP comprende alcune cover live di famosi gruppi hard rock (Deep Purple, Led Zeppelin), rock (Queen) e progressive (Pink Floyd, Genesis) registrate nel gennaio del 1995 al Ronnie Scott's Jazz Club.

Nel 1997 è il momento di Falling Into Infinity, album secondo molti di stampo leggermente più commerciale rispetto ai precedenti: la casa produttrice impedì infatti la realizzazione di un doppio CD e molti dei pezzi scritti per l'album dovettero aspettare diversi anni per vedere la luce sotto forma di CD regalo per il fan-club. La casa discografica, in effetti, non era più interessata a produrre un nuovo disco dei Dream Theater, dato che Awake non aveva bissato, in termini di vendite, il successo di Images and Words. Pochi mesi prima dell'uscita del disco, i Dream Theater realizzarono un tour in cui presentarono in anteprima alcuni pezzi di questo disco; nello speciale contenuto nel DVD Score, Mike Portnoy afferma che tale tour era stato voluto dal gruppo per mostrare ai loro produttori che c'erano molti fans disposti a supportarli, e grazie a questo, il disco fu pubblicato, anche se costò molti sacrifici alla band (che proprio per i numerosi compromessi a cui era arrivata, rischiò lo scioglimento). Questo album, visto come contraltare di Awake, benché sia stato ben considerato dalla critica, non ha riscosso grandi responsi da parte dei fan più integralisti della band che vedono nel lavoro una sorta di "tradimento" della band verso le proprie attitudini musicali. Brani come You Not Me e Burning My Soul vengono registrati in versioni diverse da come erano stati concepiti originariamente, a causa delle pressioni ricevute dalla casa discografica. In particolare il secondo brano conteneva una sezione strumentale, che è poi diventata Hell's Kitchen.

Nel 1998 esce il doppio live Once In a LIVEtime. Parte della responsabilità per lo scarso successo del disco è forse da attribuirsi anche alla produzione portata avanti da Kevin Shirley.

Dopo un anno dedicato ai numerosi progetti personali tra cui i Liquid Tension Experiment di John Petrucci e Mike Portnoy, i Dream Theater ritornano con un concept album, Scenes from a Memory, che vede alle tastiere il nuovo elemento Jordan Rudess, partecipante anch'egli al progetto Liquid Tension Experiment e subentrato a Derek Sherinian subito dopo il tour del 1998. In realtà l'elemento scelto per rimpiazzare Kevin Moore dopo la sua uscita del 1994 doveva essere proprio Jordan Rudess ma, a causa di alcuni progetti personali, Rudess declinò l'offerta ed il gruppo dovette ripiegare sulla collaborazione di Derek Sherinian. L'album si presenta come un concept e la storia narrata ha come filo conduttore una vicenda di amore finita in tragedia nella New York degli anni '20. La storia è presentata, come il titolo suggerisce, come proseguo della suite Metropolis - Part I "The Miracle And The Sleeper" contenuta in Images and Words. Anche musicalmente parlando il gruppo attinge a piene mani dalle sonorità di quell'album, seppur con un approccio musicale maggiormente modernizzato e con un sound più attuale. Da segnalare Strange Déjà Vu, le strumentali Overture 1928 e The Dance of Eternity, la ballata One Last Time e l'epica Home; ma il brano che più ha colpito i fan è The Spirit Carries On, ballata di stampo "pinkfloydiano" che, oltre ad un assolo considerato tra i più belli di Petrucci, vede addirittura la presenza di un coro gospel nel ritornello finale. La grande emotività e coinvolgimento del pubblico che scaturisce da tale brano lo hanno reso un classico al punto che viene quasi sempre inserito nelle setlist dei concerti; ad un live dei Dream Theater è quasi più sicuro riuscire ad ascoltare questo brano che non altri classici più vecchi come Metropolis - Part I e Pull Me Under.

Successivamente all'uscita dell'album il gruppo pubblica un triplo CD live (Live Scenes from New York) registrato il 30 agosto del 2000 a New York durante l'ultima data del tour di supporto per Scenes from a Memory. Il live, nel primo CD, riprende fedelmente la scaletta di Scenes From A Memory inscenando praticamente uno spettacolo con tanto di coro gospel, narratore e riproduzione di diversi filmati raffiguranti le vicende narrate che accompagnano le canzoni. Gli altri due CD sono invece dedicati al resto della discografia della band con una spartizione eguale dei brani fra i diversi album, anche se When Dream And Day Unite non è stato tenuto in considerazione. Compare inoltre una inedita Caught in a New Millennium, canzone mix che unisce Caught In A Web di Awake e New Millennium di Falling Into Infinity. Inizialmente la copertina di questo triplo live raffigurava anche le Torri Gemelle, avvolte dalle fiamme del sacro cuore. Una sfortunata coincidenza volle che la data d'uscita del triplo live fosse proprio l'11 settembre 2001 e, per rispetto ai caduti della strage del World Trade Center, l'album verrà ritirato e successivamente ristampato con una nuova copertina. Tuttavia, l'immagine è visibile nella versione in VHS, uscita nel maggio 2001, quando ovviamente nessuno poteva prevedere cosa sarebbe accaduto.

Dopo un'attesa di tre anni, nel 2002, viene pubblicato Six Degrees of Inner Turbulence, un doppio album contenente nel secondo CD il brano che da il titolo all'intero lavoro, una suite di 42 minuti dai notevoli colori che alterna parti più melodiche e leggere con telluriche accelerazioni thrash metal, intermezzi progressive rock di stampo settantiano ed ispirate aperture symphonic rock, mentre nel primo CD sono presenti The Glass Prison, una suite di 13 minuti thrash-oriented dedicata a Bill W., fondatore degli Alcolisti Anonimi, e canzoni più progressive ma con uno stile atipico per il gruppo, sicuramente più duro. Questo disco si rivelò un buon successo e si piazzò fin dalla sua uscita nelle posizioni di vertice delle classifiche Billboard. Fu promosso dal World Tourbulence 2002 tour.

Il successivo album del 2003, Train of Thought, sembra ribadire la loro svolta verso un metal molto più "duro" rispetto alle loro opere precedenti. Il risultato è un CD dai toni molto oscuri e, a tratti, inquietanti che cerca quasi di ricalcare le orme di Awake. Tuttavia anche tra i fans più accaniti del gruppo, alcuni hanno lamentato il fatto che, in questo disco, non ci siano melodie di particolare rilievo, le tastiere siano soffocate dalla chitarra, mentre Petrucci sembra aver preferito un approccio più virtuosistico che melodico durante gli assoli. Inoltre le canzoni, in media molto lunghe, sembrano allungate in modo un po' artificioso, tramite sezioni strumentali che si rifanno anche in modo troppo esplicito a gruppi come Metallica o Megadeth.

Il 28 aprile 2004, durante il tour mondiale di questo album, la band americana realizza uno dei suoi desideri più grandi: suonare al leggendario Budokan di Tokyo. Dal concerto, della durata di quasi 3 ore nascerà l'ennesimo live della loro carriera, denominato Live at Budokan e commercializzato a fine 2004 sia sotto forma di triplo CD che sotto forma di doppio DVD.

Il 7 giugno 2005 è stato commercializzato Octavarium, realizzato dalla stessa formazione del precedente Train of Thought ma con un'impostazione musicale decisamente più melodica. L'album è composto da otto brani ed ha la caratteristica di essere un concept "misterioso", basato sulla numerologia e sul rapporto tra il numero 5 ed il numero 8. La prima traccia continua la saga che questo gruppo, ed il batterista Mike Portnoy in particolare, hanno dedicato al fondatore degli Alcolisti Anonimi. Si possono sentire influenze di vari gruppi, in particolare i Muse (Panic Attack e soprattutto in Never Enough) mentre in I Walk Beside You sono chiare le influenze degli U2 e dei Coldplay; in particolare, quest'ultimo brano, è uno dei pochi brani dei Dream Theater che non presentano nemmeno un assolo. L'ultima traccia, un'imponente suite dal notevole impatto emotivo che dà il titolo all'intero CD richiama alla memoria i grandi gruppi degli anni '70 (di cui molti brani sono citati anche nel testo) come Pink Floyd, Genesis, Alan Parsons Project e ELP, riportando i Dream Theater a sonorità molto progressive e rinnovando l'interesse da parte dei fan.

Il 1º aprile 2006 i Dream Theater concludono il tour a supporto di Octavarium con un concerto al Radio City Music Hall di New York, che verrà registrato e pubblicato poi a settembre sotto il nome di Score; si tratta un'opera con cui si sono voluti celebrare i vent'anni di carriera della band, e che include pezzi anche molto lunghi come Six Degrees of Inner Turbulence (42') ed Octavarium (24'), eseguiti con l'accompagnamento di una orchestra (The Octavarium Orchestra - Direttore e arrangiamenti: Jamshied Sharifi). La scaletta prevede una canzone per ogni studio album della loro discografia, partendo da The Majesty Demos per arrivare ad Octavarium, con l'eccezione di Falling Into Infinity e A Change of Seasons, rimpiazzati dall'inedita Raise the Knife.

Il 26 gennaio 2007, su invito della band, una cinquantina di fortunati sono entrati nello studio, dove veniva ultimata la lavorazione dell'ultimo album, per la registrazione dei cori di Prophets of War.

Il 4 giugno 2007 è uscito il nono lavoro dei Dream Theater: Systematic Chaos. In Italia il disco è uscito il primo giorno del mese, data la concomitanza della loro partecipazione al Gods of Metal il 3 giugno, anche se poi il gruppo non ha eseguito materiale di quel disco (optando per la riproposizione di tutto Images and Words). In un'intervista recente a "I Love Rock n'Roll", Mike Portnoy ha affermato che l'album è stato composto, registrato e mixato in 5 mesi, tra settembre 2006 e febbraio 2007. L'album è stato prodotto prima di firmare il contratto con la nuova etichetta, la Roadrunner Records, che ha ricevuto l'anteprima di Systematic Chaos per valutare un probabile contratto discografico, ed ha esordito alla posizione #19 della clasifica Billboard, la migliore piazza d'esordio per il gruppo[30].

Di Systematic Chaos esistono due edizioni: l'edizione standard (solo CD), e una special edition (CD mixato in 5.1 Dolby Surround + Chaos In Progress - The Making of Systematic Chaos, un DVD documentario di 90 minuti diretto da Mike Portnoy).

Il terzo brano di Systematic Chaos, intitolato Constant Motion, è stato estratto come singolo, di cui è stato realizzato il primo videoclip dopo quasi dieci anni: infatti era dal 1998 che i Dream Theater non ricorrevano a questo tipo di promozione, da quando fu realizzato il video di Hollow Years, andando contro le volontà del gruppo, che già ai tempi affermò di non voler più realizzare videoclip. Inoltre è stato rilasciato un libro ufficiale del gruppo, dal titolo Lifting Shadows, che farà un riassunto dei primi 20 anni della band.

Il "Chaos in Motion World Tour" 2007/2008 iniziò in Italia. Il 3 giugno, in occasione del Gods of Metal, prima esibizione della band dopo il tour di Octavarium, la band ha eseguito per intero il disco Images and Words, per celebrarne i 15 anni dalla sua uscita (anche se con un mese di anticipo). Lo stesso show è stato realizzato in poche altre città, un'esibizione speciale che i Dream Theater hanno regalato all'Italia per la seconda volta dopo il concerto di Roma del 31 ottobre 2005, quando avevano proposto l'intera esecuzione di Octavarium come regalo di Halloween. L'"European Fall Tour" (parte europea del "Chaos in Motion World Tour") li ha visti suonare in Italia per 5 date, a Bologna, Roma, Andria, Milano e Padova, accompagnati dai Symphony X, con cui avevano già condiviso il palco del Gods of Metal pochi mesi prima.

Il 26 gennaio 2008 è uscito il videoclip di Forsaken, secondo singolo estratto da Systematic Chaos.

Il 23 settembre 2008 è uscito il nuovo DVD live dei Dream Theater chiamato Chaos in Motion 2007-2008, il live del tour con immagini tratte da diversi show del loro "Chaos in Motion tour", durato un anno e un giorno, per 115 show, 105 città toccate, 35 paesi, 5 continenti. Esistono due versioni di questa uscita: la versione standard composta da due DVD, e la versione deluxe comprendente due DVD e tre CD audio (che contengono l'audio delle immagini live del DVD). Il primo DVD è lungo 180 minuti e raccoglie 14 canzoni tratte dagli show di Rotterdam, Buenos Aires, Toronto, Boston, Bangkok e Vancouver, ripresi con telecamere non ad alta definizione. Il secondo DVD comprende oltre 2 ore e mezza di materiale extra (un documentario di 90 minuti "dietro le quinte", dei video promo, alcune proiezioni live, il tour dello stage e del backstage e una galleria fotografica).

Il 1º aprile 2008 è uscita la prima raccolta ufficiale dei Dream Theater, intitolata Dream Theater's Greatest Hit (...& 21 other pretty cool songs). L'album è composto da due CD, intitolati Dark Side e Light Side, contenenti rispettivamente brani più heavy o più melodici. Le tracklist comprenderanno alcune edit version o remix di brani già pubblicati, insieme a brani mai apparsi ufficialmente, se non come b-side o esclusivamente per i fans club.

Il gruppo, col passare degli anni, ha seguito un costante miglioramento nel modo di affrontare i live, dopo alcuni periodi decisamente sottotono. Agli inizi della carriera, infatti, i Dream Theater venivano accusati di essere molto "freddi", un atteggiamento necessario a mantenere la concentrazione necessaria per eseguire alla perfezione i brani più difficili. Ora questa critica non sembra più essere presa in considerazione (tralasciando giornalisti o riviste musicali che hanno sempre mostrato di non gradire la band e, pertanto, non ne riconoscono i meriti oggettivi). Le critiche maggiori sono state fatte al rendimento live di James LaBrie, che nei primi anni non riusciva a riprodurre dal vivo la stessa pulizia vocale dei dischi, specialmente negli ultimi brani, quando la stanchezza iniziava a farsi sentire. Intorno al 1998 il suo rendimento toccò livelli molto bassi, anche a causa di problemi fisici (rischiò addirittura di perdere la voce)[senza fonte]. Dopo l'uscita di Scenes From A Memory ci fu una graduale ripresa, che permise a LaBrie di tornare ad eseguire dal vivo brani come Another Day e ad arrivare, nel 2004, ad eseguire regolarmente concerti da tre ore. Attualmente, è possibile notare come LaBrie sia in grado di cantare brani dei primi dischi meglio di come li avrebbe cantati in quegli stessi anni; questo si può notare nel DVD Score dove Under A Glass Moon è cantata con una pulizia vocale maggiore di quella sentita nel Live in Tokyo oppure di come l'acuto di Innocence Faded non sembri particolarmente sforzato. In ultimo, Metropolis - Part I, nonostante sia eseguita dopo tre ore di concerto, risulta praticamente perfetta, soprattutto se paragonata all'esecuzione di Once in a LIVEtime. James LaBrie si è dovuto sottoporre ad un vero e proprio restyling tecnico al fine di raggiungere un tale livello: è completamente cambiato l'approccio con le partiture più acute, che di fatto vengono oggi eseguite in una tecnica simile al falsetto. Ne ha particolarmente sofferto la potenza espressiva delle interpretazioni che viene tuttavia sopperita dalla moderna tecnologia, capace di sopperire ad una certa carenza di "calore". Al contrario, i brani di Systematic Chaos, in sede live, non sembrano aver subito modifiche o riadattamenti da parte di LaBrie, segno che il cantante, durante le registrazioni, ha tenuto in considerazione il momento in cui si sarebbe dovuto trovare a cantare dal vivo quei brani.

Nel 2008, i Dream Theater hanno realizzato un tour denominato "Progressive Nation Tour 2008", iniziato il 2 maggio 2008, che si è svolto nel Nord America. Con loro hanno suonato anche gli Opeth, i Between The Buried And Me e 3. Il tour ha visto i Dream Theater visitare città precedentemente mai toccate nei tour passati, come ad esempio Vancouver, o città in cui non suonavano da molti anni. Inoltre questo tour li ha portati a suonare anche in piccoli palazzetti e teatri. Episodio interessante è stata l'esecuzione live di Repentance insieme a Mikael Akerfeldt, cantante degli Opeth, la cui voce compare anche nell'incisione originale del brano.

La sera del 27 Febbraio 2009 Mike Portnoy, durante la sua partecipazione al radioshow musicale "Eddie Trunk Show", ha diffuso in anteprima assoluta un teaser lungo 34 secondi contenente spezzoni tratti dal nuovo album. Il 23 giugno 2009 è uscito il decimo album dei Dream Theater Black Clouds & Silver Linings che contiene 6 tracce. Oltre alla versione classica ne è stata rilasciata una in LP e una special edition con due cd aggiuntivi, uno con i mix strumentali delle tracce dell'album e un altro con 6 cover tracks. Il primo singolo estratto è stato A Rite Of Passage, per il quale la band ha girato un video.[1] Si possono vedere sul sito di Rudess immagini e video relativi alle sessioni di registrazione.

Nel 2009 è stato confermato un secondo "Progressive Nation Tour" assieme a Zappa Plays Zappa, Bigelf e Scale the Summit per il tour nordamericano e assieme a Opeth, gli stessi Bigelf e Unexpect per il tour europeo. Originariamente, il tour americano comprendeva annche i Pain Of Salvation, costretti a rinunciare a causa del fallimento della loro etichetta discografica.

Il 28 giugno 2009 hanno partecipato come co-headliner al Gods of Metal di Monza, durante il quale hanno annunciato il loro ritorno in Italia nel ottobre 2009.

Come dichiarato recentemente da Mike Portnoy, la band continuerà il Progressive Nation Tour fino all'inizio del nuovo anno; dopo di che tornerà in studio per registrare un nuovo brano strumentale da inserire nel videogioco Gods Of War 3, il quale costituirebbe il primo esempio di canzone scritta e registrata per un progetto esterno alla band.

I Dream Theater hanno eseguito numerose cover durante la loro intera carriera, soprattutto a partire dal tour promozionale dell'album Six Degrees of Inner Turbulence. Alle tre serate speciali, rispettivamente a Barcellona, a Chicago Illinois e a New York City, hanno eseguito cover dell'intero album Master of Puppets dei Metallica dopo un set completo del repertorio Dream Theater. Questo ha scioccato i fan presenti, nonostante fosse stato annunciato che le serate in questione, che sono state le seconde di uno stand di due notti in ogni città, sarebbero state "extra-speciali". È possibile che questa tradizione si possa ricondurre ad una delle band preferite di Mike Portnoy, i Phish, che avevano iniziato a fare cover di interi album di altri artisti ogni Halloween partendo da quello del 1994.

Portnoy concepì l'idea di questo "cover show" come la prima di una serie di serate da suonare come "omaggio" alle band che hanno influenzato i Dream Theater nella loro formazione e nel loro sviluppo. Queste loro cover hanno diviso i fan che assistevano agli show, tra chi avrebbe preferito sentire la loro musica e non quella di altri artisti, e tra chi invece apprezzava il "bonus" come anticipazione del concerto vero e proprio, che si teneva nella serata successiva.

Alla tappa successiva del tour la band eseguì la cover dell'album The Number of the Beast degli Iron Maiden ricevendo reazioni simili a quelle della serata in onore dei Metallica, sebbene i fans fossero informati del programma delle due serate, visto anche il precedente con Master of Puppets.

L'11 ottobre 2005 i Dream Theater fecero una cover dell'album The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd, il terzo "cover show" che il gruppo eseguì di un album classico. Il sito internet ufficiale dei Dream Theater afferma che il secondo set della seconda notte ad Amsterdam, Londra, Buenos Aires, San Paolo e Tokyo (11 ottobre, 25 ottobre, 4 dicembre, 11 dicembre e 13 gennaio), e pure il secondo set del 15 gennaio dello show di Osaka, videro eventi di questo genere. Dark Side of the Moon è stato eseguito di nuovo il 25 ottobre a Londra. In ogni caso, a Buenos Aires (4 dicembre) e São Paulo (11 dicembre) l'album classico eseguito fu Scenes from a Memory dei Dream Theater, per compensare il fatto di non aver visitato l'Argentina e il Brasile nel loro tour Metropolis 2000.

Il 13 gennaio 2006 (Tokyo) e il 15 (Osaka), i Dream Theater hanno eseguito la cover live dell'album dei Deep Purple Made in Japan, il loro quarto album cover (questo fa supporre che sia inevitabile la una cover di un album rock progressivo anni '70, probabilmente dei Rush).

Nel 2009 con l'uscita del decimo album in studio Black Clouds & Silver Linings, la band si è cimentata nella registrazione di 6 cover (rock, progressive e metal), che sono presenti sul secondo disco dell'edizione speciale.

Da menzionare anche una performance live di Cemetery Gates dei Pantera a Dallas, in Texas, per commemorare la scomparsa di Dimebag Darrel, eseguita durante una data del Gigantour, a cui hanno partecipato anche membri degli altri gruppi coinvolti nel tour; in questa esibizione La Brie ha cantato le parti pulite del brano, mentre quelle più dure sono state lasciate a Russell Allen dei Symphony X e Burton C. Bell dei Fear Factory, mentre l'assolo è stato eseguito da Dave Mustaine dei Megadeth.


Curiosità:

• Il cuore in fiamme, che fra l'altro compare su diverse copertine (Images and Words e Live at the Marquee) è stata un'idea dell'allora tastierista Kevin Moore. Si tratta semplicemente di una replica del Sacro Cuore di Cristo. Il filo spinato rappresenta le difficoltà e gli ostacoli. Il cuore rappresenta forza e resistenza. Il fuoco, invece, viene a rappresentare passione ed energia. La notizia è presente sul sito italiano, ma è confermata anche da altre fonti (come gabbo.net).

• Le uniche canzoni a non essere mai state eseguite, finora, sono A Vision, Too Far e Space-Dye Vest, mentre quelle suonate soltanto dal vivo sono Bombay Vindaloo, Moon Bubbles, Barfag e Showdown.

• Nel video di Pull Me Under, prima canzone dall'album Images And Words, il cantante James LaBrie indossa una maglietta del gruppo grindcore Napalm Death. Il video sembra parlare di un uomo posseduto da Satana, e in effetti non ha molto a che vedere con la canzone. Gli stessi Dream Theater si sono sempre chiesti chi fosse "l'uomo-lupo" presente nel videoclip.

È stato uno degli unici ad essere programmato da MTV. In seguito ne sono stati girati altri come Another Day, Take the Time, Hollow Years e The Silent Man, praticamente mai trasmessi se non nelle trasmissioni dedicate esclusivamente al metal. Lie, ai tempi, ebbe un'altissima rotazione sulla rete italiana Videomusic. Sono quindi più di dieci anni che i Dream Theater continuano a vendere anche senza l'ausilio di video promozionali, e senza rinunciare alla sperimentazione che da sempre caratterizza ogni loro album. Tuttavia, nella recente intervista ad I Love Rock'N'Roll Mike Portnoy ha dichiarato che a rendere famosa questa band è stata soprattutto Internet e che tale gruppo non necessita di mezzi di promozione notevolmente commerciali quali ad esempio la radio o i videoclip per diffondere la propria musica. Nonostante la band abbia in precedenza confermato l'idea di non girare più alcun video, per l'uscita di Systematic Chaos il gruppo ha realizzato, a sorpresa, il video di Constant Motion[38] e di Forsaken, dove tuttavia non compare la band, ma solo un cartone animato; più recentemente sono stato estratti i singoli 'A Rite Of Passage' e 'Wither' dall'album neo-pubblicato 'Black Clouds & Silver Linings'.

• Durante un concerto in un locale nel 1993 i Dream Theater hanno suonato una cover di Damage Inc. (ottava e ultima canzone dall'album Master Of Puppets dei Metallica) con Mark "Barney" Greenway, cantante dei Napalm Death. Tale cover è stata pubblicata su un album distribuito ai soli membri dei molti fan club del gruppo: nello specifico si parla dell'International Fan Club Christmas CD, dato agli iscritti come regalo di Natale nel 1996. Nel video è curiosa l'espressione divertita di Petrucci, Myung e Portnoy, non appena Greenway inizia a cantare; infatti, nonostante il suo stile di voce sia molto noto, il brano non era stato provato insieme a lui, quindi i membri dei Dream Theater non avevano idea di come l'avrebbe cantata e pertanto era una sorpresa anche per loro. In quel concerto, hanno inoltre suonato insieme a Steve Howe, chitarrista degli Yes, effettuando un medley che riprendeva alcuni suoi classici come Machine Messiah, Heart Of Sunrise, Close To The Edge e terminava con Wurm (dall'album The Yes Album, terza parte del pezzo Starship Trooper, terza canzone dell'album). Assieme al cantante Steve Hogarth e al chitarrista Steve Rothery dei Marillion, hanno eseguito una cover di Easter.

• Dopo il concerto di Scenes From New York, Portnoy svenne. Questo fu causato da profonda disidratazione, ed estrema stanchezza causata dalle oltre 3 ore di concerto (resta famosa fra i fans la frase "Sorry for the short set" pronunciata da LaBrie in tono ironico a fine concerto) e dalle altre 4 ore di prove pomeridiane in cui fu provata quasi tutta la set-list della serata (già eseguita anche la sera prima), furono eseguite le prove con il coro e con gli attori e ospiti intervenuti sul palco durante l'esibizione.

• L'uscita di Scenes From New York era prevista per l'11 settembre 2001. Quello stesso giorno infatti, il tragico evento delle torri gemelle colpì tutti gli abitanti di New York. La prima (e originale) copertina di Scenes From New York, rappresentava una mela infuocata, e al suo interno una vista di New York da lontano, comprese anche le torri gemelle. Appena i Dream Theater lo vennero a sapere, bloccarono la stampa delle copertine, per rielaborarne un'altra, quella che poi, diventò la seconda ed ufficiale copertina dell'album. Tuttavia, l'immagine è ben visibile nella registrazione VHS del concerto, uscita nel maggio dello stesso anno.

• Nella canzone Take the Time dell'album Images and Words è inserita una frase in italiano: "Ora che ho perso la vista, ci vedo di più." Questa frase è tratta dal film Nuovo Cinema Paradiso dove viene pronunciata da Alfredo, ex-cinematografo accecato dal fuoco di una pellicola. Subito prima, James LaBrie pronuncia la frase in lingua inglese: "I can see much clearer now I'm blind".

• La frase "eat my ass and balls" (letteralmente "mangiami il culo e le palle") è un tormentone spesso utilizzato in modo goliardico dal gruppo durante i live, in sostituzione del testo originale. Ecco alcune apparizioni di questa frase:

• nel CD Scenes From A World Tour 2000, riservato agli iscritti al fans club, la traccia What did they say? è formata da spezzoni tratti da alcuni live, durante i quali sono state cambiate le parole delle canzoni. La frase compare nel ritornello di Fatal Tragedy: "Without hope, without love, you can eat my ass and balls" (perfettamente intonata da LaBrie, Petrucci e Portnoy, a dimostrazione che il cambiamento era voluto. Da segnalare, nella stessa traccia, il ritornello di Pull Me Under, che diventa "Pull my finger, pull my finger, pull my finger, I've got to fart" (tirami il dito, devo scorreggiare).

• sempre nello stesso CD, nella traccia Canadian Rap (in cui Mike Portnoy improvvisa un rap durante un live, per via una pausa dovuta a problemi tecnici) la frase in questione viene ripetuta più volte.

• durante la canzone In The Name Of God, Mike Portnoy (esattamente tra il minuto 5:51 ed il 6:07) esegue uno strano pattern sul ride; in realtà sta semplicemente ripetendo la frase "eat my ass and balls" in codice morse. È probabile che sia una parodia dell'intro di Yyz dei Rush, in cui Peart fa esattamente la stessa cosa con il titolo del brano.

• talvolta, durante il tour del 2005, il ritornello di As I Am è diventato "To the doubtful I demand: eat my ass and balls".


Formazione:

• James LaBrie - Voce, Percussioni e Tastiera (1991 - presente)

• John Myung - Basso e Chapman stick (1986 - presente)

• Mike Portnoy - Batteria, Percussioni e Voce addizionale (1986 - presente)

• John Petrucci - Chitarra e Voce addizionale (1986 - presente)

• Jordan Rudess - Tastiere, Sintetizzatori, Continuum, Lap steel guitar, Keytar e BeBot (1999 - presente)

Fonte: Live Nation - http://www.livenation.it

Articoli e News

 

immagine in primo piano

DREAM THEATER grande ritorno in Italia e nuovo disco in arrivo!


News inserita da:

Luigi Farina in data: 12/09/2011 21.59

CD e ...

 

non sono presenti segnalazioni di CD per questo artista o gruppo

 

 

Buona sera anonimo


Per aggiungere un commento devi essere registrato/a e loggarti


Fai il Login

Non hai un account? registrati o registra la tua attività.



Commenti



Non sono presenti commenti in questo Music Center



Video




Non sono presenti Video in questo Music Center


 

Pacchetto Ristorazione

Menù digitale multilingue e Servizio QRCode, Assistenza Marketing, Tenuta del Registro delle Presenze, ...

nuove opportunità e servizi innovativi per aumentare il tuo business