Con l’Irpinia Express un viaggio nella tradizione irpina tra arte, natura e gastronomia
Con l’Irpinia Express un viaggio nella tradizione irpina tra arte, natura e gastronomia
Con l’Irpinia Express un viaggio nella tradizione irpina tra arte, natura e gastronomia. Ritornano i treni storici sulla tratta Avellino-Rocchetta, di Eduardo Cagnazzi

Ritornano i treni storici sulla tratta Avellino-Rocchetta.

Dal prossimo 10 luglio l’“Irpinia Express” regalerà ai passeggeri un tuffo nella tradizione irpina tra arte, percorsi naturalistici e, soprattutto, gastronomia di cui il territorio è famoso: dai fusilli alle Cannazze fino alla Maccaronara di Montemarano per finire ai vini e ai formaggi.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra la Regione Campania e Fondazione Fs, supportata dall’Associazione Inlocomotivi APS, che punta alla valorizzazione turistica dell’Irpinia attraverso una forma di mobilità dolce. È un turismo per chi ama andare oltre la semplice guida, curioso di sapere molto di più sui luoghi che desidera visitare.

Il debutto è il 10 luglio e si viaggia verso Sant’Angelo dei Lombardi, un borgo di grande importanza nel quale si legge ancora l’impianto medievale, segnato nel profondo anche dal sisma nel 1980 che ne caratterizza la stratigrafia edilizia.

La partenza è alle ore 9.00 dalla stazione di Avellino, l’arrivo alle ore 11.40 alla stazione di Sant’Angelo dei Lombardi.

A seguire, accoglienza e visita all’Abbazia del Goleto, trasferimento al borgo, poi visita alla cattedrale, alla cripta e al belvedere.

Dopo la visita al Castello, partenza per Avellino.

Il 16 luglio si replica alla volta di Nusco, “il balcone d’Irpinia” con il format “che ci salta in menta” organizzato dalla Pro Loco di Nusco alla scoperta della menta, la pianta nativa dei sentieri nuscani.

Doppia tappa invece programmata per il 24 luglio, dove l’Irpinia Express porterà prima a Castelvetere sul Calore, piccolo borgo sul Calore e poi a Montemarano, famosa per il suo carnevale e la tarantella montemaranese.

Sarà un’occasione per gustare la tipica “maccaronara”.

Infine, il 31 luglio si parte per Montella, borgo dal paesaggio meraviglioso situato nel Parco regionale Monti Picentini. Si visiteranno i complessi monumentali “del monte” e di San Francesco a Folloni.

Eduardo Cagnazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Scroll to Top